Home / Nazionale / Papa Francesco invoca “Solidarietà e accoglienza per costruire la pace”

Papa Francesco invoca “Solidarietà e accoglienza per costruire la pace”

Papa Francesco ha rivolto il suo pensiero “alle comunita’ cristiane che sono chiamate a una piu’ difficile e coraggiosa testimonianza”

Papa Francesco: "Solidarietà e accoglienza per costruire la pace
 “Saremo uomini e donne di risurrezione se, in mezzo alle vicende che travagliano il mondo, alla mondanita’ che allontana da Dio, sapremo porre gesti di solidarieta’ e di accoglienza, alimentare il desiderio universale della pace e l’aspirazione ad un ambiente libero dal degrado”. Questa l’esortazione di Papa Francesco alla folla di piazza San Pietro, convenuta per il Regina Caeli, l’appuntamento mariano di mezzogiorno, che nel tempo di Pasqua prende il posto dell’Angelus. Nell’occasione, Francesco ha rivolto il suo pensiero “alle comunita’ cristiane che sono chiamate a una piu’ difficile e coraggiosa testimonianza”, come gia’ ieri nel messaggio di Pasqua, rilevando che le ingiustizie e il male feriscono i piu’ deboli in tutti i paesi del mondo (terrorismo, tratta, traffico armi, disoccupazione) ma, in modo piu’ grave, ovviamente, in quelli teatro di conflitti armati: la Siria, “vittima di una guerra che non cessa di seminare orrore e morte” con “l’ultimo ignobile attacco ai profughi in fuga che ha provocato numerosi morti e feriti”, nonche’ “tutto il Medio Oriente, a partire dalla Terra Santa, come pure in Iraq e nello Yemen” e poi Congo, Sud Sudan, Ucraina ma anche l’America Latina dove “tensioni politiche e sociali in alcuni casi sono sfociate in violenza”. “Attraverso i tempi, il Pastore Risorto – ha detto Papa Bergoglio affacciato dalla loggia della Basiica di San Pietro dopo la messa celebrata in piazza – non si stanca di cercare noi, suoi fratelli smarriti nei deserti del mondo. E con i segni della Passione – le ferite del suo amore misericordioso – ci attira sulla sua via, la via della vita. Anche oggi Egli prende sulle sue spalle tanti nostri fratelli e sorelle oppressi dal male nelle sue diverse forme”.

“Il Pastore Risorto – ha assicurato Francesco – va a cercare chi e’ smarrito nei labirinti della solitudine e dell’emarginazione; va loro incontro mediante fratelli e sorelle che sanno avvicinarsi con rispetto e tenerezza e far sentire a quelle persone la sua voce, una voce mai dimenticata, che le richiama all’amicizia con Dio. Si fa carico di quanti sono vittime di antiche e nuove schiavitu’: lavori disumani, traffici illeciti, sfruttamento e discriminazione, gravi dipendenze. Si fa carico dei bambini e degli adolescenti che vengono privati della loro spensieratezza per essere sfruttati; e di chi ha il cuore ferito per le violenze che subisce entro le mura della propria casa”. “Il Pastore Risorto – ha continuato il Papa – si fa compagno di strada di quanti sono costretti a lasciare la propria terra a causa di conflitti armati, di attacchi terroristici, di carestie, di regimi oppressivi. A questi migranti forzati Egli fa incontrare dei fratelli sotto ogni cielo, per condividere il pane e la speranza nel comune cammino”. “Nelle complesse e talvolta drammatiche vicende dei popoli, il Signore Risorto – ha invocato con forza Bergoglio – guidi i passi di chi cerca la giustizia e la pace; e doni ai responsabili delle Nazioni il coraggio di evitare il dilagare dei conflitti e di fermare il traffico delle armi”. “In questi tempi, in modo particolare – ha invocato Francesco al termine della liturgia pasquale – il Signore sostenga gli sforzi di quanti si adoperano attivamente per portare sollievo e conforto alla popolazione civile in Siria, vittima di una guerra che non cessa di seminare orrore e morte. Doni pace a tutto il Medio Oriente, a partire dalla Terra Santa, come pure in Iraq e nello Yemen. Non manchi la vicinanza del Buon Pastore alle popolazioni del Sud Sudan, del Sudan, della Somalia e della Repubblica Democratica del Congo, che patiscono il perpetuarsi di conflitti, aggravati dalla gravissima carestia che sta colpendo alcune regioni dell’Africa. Gesu’ risorto sostenga gli sforzi di quanti, specialmente in America Latina, si impegnano a garantire il bene comune delle societa’, talvolta segnate da tensioni politiche e sociali che in alcuni casi sono sfociate in violenza”. “Il Buon Pastore aiuti l’Ucraina, ancora afflitta da un sanguinoso conflitto, a ritrovare concordia e accompagni le iniziative volte ad alleviare i drammi di quanti ne soffrono le conseguenze”. E soffermandosi sull’Europa il Papa ha chiesto ” speranza” per “quanti attraversano momenti di crisi e difficolta’, specialmente a causa della grande mancanza di lavoro soprattutto per i giovani”. L’auspicio di Francesco e’ che ovunque “si possano costruire ponti di dialogo, perseverando nella lotta contro la piaga della corruzione e nella ricerca di valide soluzioni pacifiche alle controversie, per il progresso e il consolidamento delle istituzioni democratiche, nel pieno rispetto dello stato di diritto”.

Fonte: www.affaritaliani.it

Info su La Redazione

Controlla Anche

Sanità

Sassari. Allarme sanità: il laboratorio analisi di via Tempio verso la chiusura

Scippo alla sanità sassarese: il laboratorio analisi di via Tempio verso la chiusura. “La salute …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com