Home / LE PROVINCE / Nuoro. Ogni giorno assistenza domiciliare h 24 per le persone con Sla. La collaborazione tra ASSL e AISLA

Nuoro. Ogni giorno assistenza domiciliare h 24 per le persone con Sla. La collaborazione tra ASSL e AISLA

Ogni ammalato SLA e non solo, ha diritto a ricevere tutta l’assistenza domiciliare e le cure necessarie che, gli consentano di vivere i suoi desideri ed il suo tempo, nel rispetto della vita. Nelle fasi avanzate della malattia, e in tutte le patologie gravi, le Cure Domiciliari Integrate di 3° livello implicano la presa in carico globale del paziente e della sua famiglia ad opera di una èquipe multidisciplinare. assistenzaNel Distretto Sanitario di Nuoro diretto dalla Dott.ssa Gesuina Cherchi, che ha saputo dare una svolta decisiva grazie all’utilizzo dei fondi vincolati RAS, le Cure Domiciliari sono erogate ad opera del Servizio territoriale diretto dalla Responsabile Dott.ssa Gianfranca Piredda e dal coordinatore infermieristico Dott.ssa Enza Onnis. Nell’ambito del territorio sanitario nuorese, attualmente, operano a domicilio del paziente n°9 infermieri di Cure Domiciliari formati presso il Reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale San Francesco, medici specialisti (neurologia, anestesia e rianimazione, pneumologia, dietologia, chirurgia, geriatria, medicina interna, fisiatria, endoscopia) e psicologi. Pertanto, ai pazienti affetti da SLA vengono garantite ed erogate 7 giorni su 7 in regime H24 cure sanitarie domiciliari secondo un piano assistenziale integrato approvato dalle figure professionali competenti e dal medico di medicina generale. Dal Febbraio 2016 il Distretto Sanitario di Nuoro vanta, su tutto l’ambito territoriale di appartenenza, Cure Domiciliari integrate di 3° livello che, contrariamente agli altri distretti sanitari, garantiscono l’attuazione degli obiettivi di continuità assistenziale a domicilio del paziente con conseguente miglioramento della qualità di vita dei pazienti e marcata riduzione dei costi rispetto ai ricoveri ospedalieri impropri e presso i reparti di lungo degenza. L’Associazione AISLA con la sua sede territoriale di Nuoro, che ha sempre lottato per garantire la continuità sanitaria sul territorio, oggi guarda con orgoglio al risultato ottenuto. Infatti, grazie all’erogazione delle Cure Domiciliari Integrate “l’ospedale” entra a casa dei pazienti, i medici specialisti ed il personale infermieristico addestrato si interfacciano con il medico curante e con la famiglia dando concrete risposte ai bisogni complessi dei pazienti di terzo livello. Grazie ad AISLA Nuoro ed alla sua opera di sensibilizzazione, i vari reparti ospedalieri, coinvolti nel processo di cura dei pazienti affetti da SLA e coordinati dall’ex Direttore Sanitario Dott.ssa Maria Carmela Dessì, hanno aderito alla creazione del percorso di presa in carico del paziente SLA(Delibera Commissario Straordinario N. 1500 del 26/11/2015 con allegato) e approvato il PDTA (percorso diagnostico terapeutico assistenziale)proposto dalla Dott.ssa Anna Ticca, Direttore del Reparto Neurologia e dalla Dott.ssa Elena Zidda, Direttore del Reparto Anestesia e Rianimazione. Nel Distretto Sanitario di Nuoro le Cure Domiciliari Integrate rappresentano una realtà imprescindibile per i pazienti, sono considerate da questi ultimi come elemento portante del nucleo famigliare dove il paziente, il caregiver e tutta la famiglia hanno finalmente la possibilità di interagire con fattiva collaborazione con tutti i professionisti sanitari. La Dott.ssa Piredda e tutto il suo team operativo di Cure Domiciliari Integrate anche nei momenti di difficoltà, facendo ricorso all’alta professionalità ed al razionale dispendio delle scarse risorse, sono riusciti a creare una vera alleanza terapeutica con i pazienti e con l ‘associazione AISLA Nuoro. Pertanto un grazie di cuore va sicuramente ai nostri infermieri “in prima linea”: Michela, Valentina, Mario, Rita, Franca,Marcello, Michele, Federica, Marta e agli infermieri che prestano servizio in pronta disponibilità Antonello (Rianimazione), Sebastiano (pneumologia), Cristian (Urologia). Si ringrazia, inoltre, il servizio PUA-UVT del Distretto di Nuoro: Dott. G.Battista Canu, le Assistenti Sociali Maria Paola, Cecilia, Roberta, Irene, Maria Grazia, gli amministrativi Rossana, Stefano e Cristina, l’Ufficio Protesi con Graziella, Cristiano, Raffaele e Piero e l’Ufficio Rimborsi extra Regione con Rita, che con il loro prezioso contributo e disponibilità, hanno sempre assicurato la tutela dei diritti dei pazienti e l’assistenza sociale e integrativa a domicilio del paziente. Tutte le persone con SLA desiderano vivere nel pieno rispetto della dignità della persona e della miglior qualità di vita, e per questo hanno diritto a poter ricevere cure sanitarie presso il proprio domicilio, ad opera di personale formato ed addestrato. AISLA Nuoro auspica alla realizzazione di un sistema di Cure Domiciliari di 3° livello anche negli altri Distretti Sanitari, al fine di garantire a tutti i pazienti un valido modello di cure come quello attualmente in essere nel Distretto Sanitario di Nuoro.

Info su La Redazione

Controlla Anche

fumetti

Cagliari. Al via sabato Nues, il festival dei fumetti e dei cartoni

Al via sabato a Cagliari l’ottava edizione di Nues, il festival dei fumetti e dei cartoni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com