Home / Attualita' / Novità e aggiornamenti nel cartellone del diciannovesimo festival Dromos

Novità e aggiornamenti nel cartellone del diciannovesimo festival Dromos

Novità e aggiornamenti nel cartellone del diciannovesimo festival Dromos in programma dal primo al 15 agosto (con anteprima il 30 luglio) tra Oristano e altri undici centri della sua provincia.Novità nel cartellone del diciannovesimo festival Dromos, in programma dal primo al 15 agosto tra Oristano e altri undici centri della sua provincia, Baratili San Pietro, Bauladu, Cabras, Morgongiori, Neoneli, Nughedu Santa Vittoria, Nureci, San Vero Milis, Ula Tirso e Villa Verde, con anteprima a Mogoro il 30 luglio.

A tre settimane dal via, il fitto palinsesto della manifestazione organizzata dall’omonima associazione culturale si arricchisce di un importante appuntamento collaterale: l’incontro, il 6 agosto a Oristano, con il filosofo statunitense John Searle, uno tra i più influenti pensatori contemporanei, che interverrà all’Auditorium San Domenico (alle 19) sul tema “La costruzione sociale dei confini”.

Nato a Denver nel 1932, John R. Searle occupa un ruolo di primo piano nella comunità filosofica internazionale. Formatosi a Oxford, alla scuola della “filosofia del linguaggio ordinario” con John Austin, Gilbert Ryle e Peter Strawson, dalla fine degli anni cinquanta è professore di filosofia all’Università di Berkeley in California. Le sue indagini spaziano dalla filosofia del linguaggio e della mente all’indagine critica dell’intelligenza artificiale e della realtà sociale. Nella conferenza che terrà per il Dromos Festival, mostrerà come le barriere giuridiche ed economiche che spesso ci separano, pur avendo una propria oggettività, sono il frutto di una creazione umana.

Un altro nuovo tassello nel palinsesto di questa edizione di Dromos che si riconosce sotto il titolo “Prigioni”, è la visione, il 12 agosto a Oristano, con inizio alle 21.30 in piazza Corrias, di “La tela”, il primo lungometraggio firmato dal pittore Salvatore Garau. Il documentario, che vede come direttore della fotografia Fabio Olmi (figlio del regista Ermanno) ripercorre la sfida, lo stupore, la nascita e la crescita di un progetto, realizzato dall’artista di Santa Giusta all’interno dell’Istituto Penitenziario di Alta Sicurezza di Massama-Oristano, che dimostra la potenza dell’arte e della parola, il colore che fa vibrare anche luoghi spogli e spenti.

È invece fissata per la sera prima, venerdì 11 agosto (sempre alle 21.30), nella stessa cornice di piazza Corrias, la proiezione del film “Nel mondo grande e terribile” inizialmente prevista al chiostro dell’Hospitalis Sancti Antoni. Scritto e diretto da Daniele Maggioni, Laura Perini e Maria Grazia Perria, il lungometraggio racconta la vita e il pensiero negli anni del carcere di Antonio Gramsci (di cui ricorre l’ottantesimo anniversario della morte), interpretato dall’attore Corrado Giannetti.

Infine, si aggiunge un’altra suggestiva offerta alla serie di pacchetti turistici associati al festival. Si tratta degli itinerari mototuristici dei Pastori in moto, dieci motogiri abbinati ad altrettanti concerti, alla scoperta di località e paesaggi poco conosciuti attraverso appassionanti percorsi di curve, coste e montagne.

Proseguono intanto, online e nei punti vendita del circuito Box Office Sardegna, le prevendite di biglietti e abbonamenti per i concerti in cui è previsto l’ingresso a pagamento: protagonisti Dhafer Youssef il 30 luglio a Mogoro, Gregory Porter il primo agosto a Oristano, Daymé Arocena il 2 a Cabras, Richard Bona con il suo gruppo Mandekan Cubano il 4 a Baratili San Pietro, Omar Sosa in duo con Gustavo Ovalles il 5 a San Vero Milis, Giovanni Lindo Ferretti il 7 a Bauladu, Stanley Jordan e Billy Cobham con Christian Gálvez il 10 agosto a Neoneli; e poi ancora Lucy Woodward, Eric Bibb e la band brasiliana Bixiga 70, al centro dei riflettori nelle tre serate di Mamma Blues, a Nureci dal 13 al 15 agosto, aperte rispettivamente da Vittorio Pitzalis, i Blues Tales e i Country’s Cousins.

L’ingresso è invece gratuito ai concerti degli Huun-Huur-Tu il 3 agosto a Villa Verde, dei Funk Off il 6 a Morgongiori, di Diane Schuur l’8 a Ula Tirso, e del Kinga Glyk Trio il 9 a Nughedu Santa Vittoria.

Il prezzo dei biglietti varia dai 10 ai 15 fino ai 25 euro a seconda delle serate; biglietto a 5 euro per la conferenza-spettacolo “Tattiche di evasione – Perlustrazioni nella musica di John Cage”, con Valerio Corzani, Gabriele Mirabassi e Simone Zanchini, in programma il 6 agosto all’ex carcere in piazza Manno, di Oristano, inizialmente annunciata con ingresso gratuito. L’abbonamento per i concerti di Dromos costa 75 euro, 24 euro per il solo trittico di Mamma Blues. Previste riduzioni del trenta per cento per giovani sotto i diciotto anni e per gli over 65. Ingresso gratuito per i bambini sotto i dieci anni (e sotto i sei anni per il concerto di Gregory Porter).

La diciannovesima edizione del festival Dromos è organizzata dall’omonima associazione culturale di base a Oristano con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato allo Spettacolo e Attività Culturali e Assessorato al Turismo), della Fondazione di Sardegna, del Banco di Sardegna, dei Comuni di Oristano, Mogoro, Baratili San Pietro, Bauladu, Cabras, Morgongiori, Neoneli, Nughedu Santa Vittoria, Nureci, San Vero Milis, Ula Tirso e Villa Verde, dell’Unione dei comuni del Barigadu, della Cantina Contini di Cabras, e in collaborazione con l’associazione di promozione sociale Mariposas de Sardinia, ViaggieMiraggi ONLUS, Tiamat Viaggi, Pastori in moto, Curia Arcivescovile di Oristano, associazione Askosarte, Rete Sinis, Pinacoteca comunale Carlo Contini di Oristano, Hotel Mistral 2 di Oristano, Du – Bauladu Music Festival, Consulta giovani di Bauladu, il Centro di Salute Mentale di Oristano e la Biblioteca Comunale di Oristano.

Per informazioni, la segreteria di Dromos risponde al numero di telefono 0783 31 04 90 e all’indirizzo di posta elettronica [email protected] Aggiornamenti e altre informazioni nel sito www.dromosfestival.it e alla pagina facebook del festival facebook.com/dromosfestivalsardegna.

Info su La Redazione

Controlla Anche

Sardigna Natzione

Catalogna, indipendentisti Sardegna in fermento. Sardigna Natzione a Bruxelles

L’onda indipendentista dalla Catalogna arriva anche in Italia. Delegazione di Sardigna Natzione a Bruxelles a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com