Home / POLITICA / M5S – Porto Torres: “Il porto di Porto Torres non deve essere rappresentato tramite sotterfugi”

M5S – Porto Torres: “Il porto di Porto Torres non deve essere rappresentato tramite sotterfugi”

M5S – Porto Torres: “Il porto di Porto Torres non deve essere rappresentato tramite sotterfugi”

La nota del Movimento 5 Stelle di Porto Torres in merito alle ultime dichiarazioni del PD sullo scalo turritano e la presidenza del Parco Nazionale dell’Asinara

portoNegli ultimi giorni abbiamo letto diversi annunci da parte di alcuni esponenti del Pd: è palese a tutti che, con questi inutili proclami, talvolta usati solo per denigrare il prezioso lavoro del Movimento 5 Stelle, stiano ammettendo il loro completo fallimento sia a livello regionale che a livello nazionale.

Qualche giorno fa il senatore Silvio Lai ha infatti chiesto al presidente della Regione Francesco Pigliaru “attenzione e rispetto” per Porto Torres, riferendosi in particolare a come la nostra città sia stata snobbata nel riordino del sistema portuale. Ringraziamo Lai per le sue parole, e soprattutto siamo contenti che anche lui abbia preso atto che, chi governa l’Isola, cioè un esponente del suo stesso partito, il Partito Democratico, si sia totalmente disinteressato di Porto Torres, dell’area vasta di Sassari e dei suoi cittadini.

Noi e i cittadini di Porto Torres non accettiamo che la presenza del rappresentante turritano in seno al Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna sia frutto di vecchie logiche politiche: si tratterebbe di sotterfugi per rimediare a leggi fatte male ed in fretta. Chiediamo quindi che il rappresentante della città di Porto Torres venga definito seguendo un iter normativo chiaro e trasparente. Il Comune di Porto Torres, per raggiungere questo obiettivo, sta interagendo con Anci in sede di Conferenza Unificata sul decreto correttivo della riforma portuale, affinché lo scalo turritano abbia la sua rappresentanza nel Comitato di Gestione.

Allo stesso tempo, rimaniamo basiti da quanto affermano i “vertici” del locale Partito Democratico, che sulla questione della presidenza del Parco nazionale dell’Asinara sembrano svegliarsi solo adesso. Ricordiamo che il Movimento 5 Stelle di Porto Torres chiede un nuovo presidente del Parco la cui scelta spetta al governatore Pigliaru e al ministro dell’Ambiente Galletti – da molto tempo. Il sindaco ha anche inviato al ministro e al governatore una rosa di nomi, ma il Comune non ha mai ricevuto risposta. Allo stesso tempo, l’amministrazione comunale è stata l’unica, da quando esiste il Parco, a interessarsi in modo attivo all’Asinara.

Il Pd, in pratica, ha auto-certificato a mezzo stampa il suo totale fallimento. I vari esponenti nel prendano atto e si facciano un esame di coscienza.

 

Info su La Redazione

Controlla Anche

Scuola, caso Eolie all’attenzione della Commissione Europea

Scuola, caso Eolie all’attenzione della Commissione Europea L’eurodeputato M5S Corrao chiama in causa Bruxelles: “Ad …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com