Home / LE PROVINCE / Cagliari / Guasila. VIII° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove”

Guasila. VIII° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove”

La narrazione racconta l’esperienza del giovane Culubiancu attraverso la Seconda Guerra Mondiale. Culubiancu viene spedito in compagnia dei suoi compagni prima in Jugoslavia e poi in Russia.

Tornato da solo in paese decide di non dimenticare nessuno dei suoi compagni della “classe di ferro” e vuole raccontare le loro tristi vicende, quelle “de sos laris biancos”, il nome di un partito di Arasolè, il partito dei poveri.

Tutto comincia con l’arrivo di una cartolina rossa, un colorato presagio che annunciava un viaggio verso il fronte russo. Quella guerra che sembrava lontana strappava lentamente i giovani dalle loro case, trasportandoli verso un luogo di dolore e di morte.
Ogni anno il campanaro di Arasolè, nel giorno dei morti, chiama a raccolta i compaesani per rendere omaggio a quei giovani.
Culubiancu, unico sopravvissuto, racconta e rievoca la trincea e li chiama uno per uno come in un appello: Daniele Mele; Efisio Pestamuso; Antonio Nèula; Peppe Brinca; Gavino Malìa; Michele Girasole.
Chiama nome per nome i suoi compagni, morti insensatamente.


Lo spettacolo narra di un altrove straordinario, quello di Arasolè. La storia già raccontata negli anni Ottanta nello spettacolo “Memorias” dei Figli d’Arte Medas, interpretato da Mario ed Emma Medas e tratta dal libro di poesie “Poesias in duas limbas” di Francesco Masala.

Il 23 giugno sarà Gianluca Medas, accompagnato dalla musica elettronica di Filippo Medas, a raccontare la storia di questo luogo dell’Altrove.

– con GIANLUCA MEDAS

Cultura Popolare_III edizione
I luoghi dell’Altrove: un viaggio dentro gli Altrove letterari.


Nella letteratura è spesso necessario un espediente, un modo per raccontare qualcosa di irracontabile.
Una città che esiste e non esiste, un luogo familiare ma immaginario.
Persone reali ma anche frutto della fantasia.
È così che realtà e immaginazione creano quel luogo letterario straordiario che è l’Altrove.

Un Altrove rifugio, dove restare al sicuro raccontando fatti ed eventi pericolosi.
Un Altrove che è come un gioco di specchi, dove il riflesso delle esistenze e dei fatti segreti muta la sua forma prendendo nomi e abitando luoghi differenti, mai esistiti in realtà.

Un Altrove necessario, perché la mente degli esseri umani ha bisogno, da sempre, di un luogo dove esiliare angosce e turbamenti della propria quotidianità.

Un Altrove a cui confidare verità inconfessabili, senza mai rivelare nulla più che una semplice storia.
Ma anche un Altrove che diventa viaggio nel tempo, dove rivivere luoghi e mondi che non esistono più, che sono esistiti e non-esistiti.
È così che questo espediente diventa un modo per “tornare a casa”, in un tempo e in un luogo ideali frutto sia del desiderio che della memoria.

L’ Altrove è un elemento ricorrente negli scrittori sardi, era un’esigenza comune quella di creare nuovi luoghi per raccontare vecchie storie.
Storie che tutti conoscevano e che era necessario tirar fuori in qualche modo, in questo veniva in loro aiuto l’Altrove.

Ed è proprio ad uno di questi scrittori che dedichiamo la III Edizione di Cultura Popolare: Giulio Angioni, la cui recente scomparsa è stata uno shock improvviso.

Lo scrittore guasilese era profondamete legato alle sue radici, da Guasila ha tratto spesso linfa e ispirazione per i suoi diversi “Altrove letterari”.
Sono di due tipologie gli Altrove di Giulio, come due sono le sue nature, quelli che ha raccontato come Studioso e quelli che ha immaginato come Narratore.
Noi li proporremo entrambi, perché si possa comprendere appieno l’Altrove di
Giulio Angioni che ha il compito di guidare la rassegna di Cultura Popolare III.

Il nostro sarà un viaggio dentro gli Altrove letterari di alcuni grandi scrittori, dentro i rifugi immaginari necessari agli autori per raccontare storie dure, difficili e violente.

Viaggeremo in diversi Altrove: conosceremo Arasolè, di Cicito Masala; racconteremo la storia terribile dei morti di Portopalo grazie un Altrove metaforico e onirico di Gianluca Medas; con Pane e Formaggio si parlerà di un Altrove originale, antropologico e critico, frutto del Giulio Angioni studioso; conosceremo Ardena, Altrove figlio di Giuseppe Dessì; le poliedriche Città Invisibili di Italo Calvino; racconteremo delle esistenze legate a Macondo, un luogo non-luogo incredibile di Gabriel García Márquez; eploreremo quello straordinario Altrove che è il vecchio Far West.


Dove si svolgerà Cultura Popolare – terza edizione?

La rassegna si svolgerà nei locali del “Teatro Fratelli Medas”.
|| Piazza Municipio,1 || Guasila (Ca) || l’ingresso ha un costo di 5 euro.

Per informazioni e prenotazioni.

[email protected]
evento fb
https://www.facebook.com/events/1654410738200269/

Info su La Redazione

Controlla Anche

mercatino

Oristano. Confermato il mercatino natalizio in piazza Eleonora

Dopo numerose riunioni tenutesi in questi giorni, oggi si è arrivati all’accordo: il mercatino natalizio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com