Home / POLITICA / Gruppo Riformatori Sardi Liberal-democratici: accantonamenti, anche Paci ammette il fallimento

Gruppo Riformatori Sardi Liberal-democratici: accantonamenti, anche Paci ammette il fallimento

Alla fine, persino l’assessore Paci si è dovuto ricredere e ha finito per ammettere che l’accordo firmato nel 2014 con il ministro Padoan non rappresenta la soluzione della vertenza sulle entrate erariali, come ha sempre orgogliosamente sostenuto, ma il suo fallimento. Meglio tardi che mai, verrebbe da dire, ma se anche il centrosinistra avesse avuto tempo fa l’onestà intellettuale di ammettere che la vertenza non è mai stata chiusa, la Sardegna non avrebbe perso tre anni e qualcosa come 3 miliardi di euro”, dichiara il capogruppo dei Riformatori Sardi – Liberaldemocratici in Consiglio regionale, Attilio Dedoni, commentando il vertice sugli accantonamenti che si è tenuto oggi a Roma tra l’Assessore regionale al Bilancio, Raffaele Paci, e una delegazione governativa guidata dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi.

Riformatori “L’incontro di oggi ha dimostrato che la linea del dialogo con il governo ‘amico’ non porta a nulla”, sottolinea Dedoni. “Del resto, per il dialogo non c’è neanche lo spazio: la Sardegna vanta dei diritti sanciti nel proprio Statuto, che è una legge costituzionale dello Stato italiano, e già riconosciuti anche dalla Corte Costituzionale. Le quote erariali che ci spettano non possono più essere oggetto di trattativa: la Regione deve soltanto esigere i propri soldi dallo Stato debitore. Se Paci non si fosse impegnato, nell’accordo del 2014, a ritirare i ricorsi alla Consulta presentati dalla precedente Giunta regionale di centrodestra per ottenere il pagamento di quanto stabilito nell’art. 8 dello Statuto, oggi non ci troveremo in questa situazione”.

Avere accettato, nello stesso accordo, il ricorso agli accantonamenti da parte dello Stato, ha di fatto messo nelle mani del Governo un nuovo strumento per non versare alla Sardegna le sue quote erariali, cioè per continuare a fare quello che hanno fatto tutti i governi, di qualsiasi colore politico, che si sono succeduti a Palazzo Chigi”, conclude il capogruppo. “E’ ora di smetterla di scendere a patti con chi si porta via i soldi dei sardi: la nostra Isola è stremata dalla crisi e dal sottosviluppo, e non ha certo bisogno di essere governata da chi si rende complice delle ingiustizie che vengono decise a Roma”.

Info su La Redazione

Controlla Anche

genere

Approvazione doppia preferenza di genere, il presidente Ganau: “Un risultato di civiltà, lavoro congiunto di politica e società civile”

Approvazione doppia preferenza di genere, il presidente Ganau: “Un risultato di civiltà, lavoro congiunto di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com