Home / Attualita' / CRONACA / Firenze. Poliziotto ferito mentre esaminava un ordigno

Firenze. Poliziotto ferito mentre esaminava un ordigno

Fervicredo: “Un altro anno cominciato all’insegna del sacrificio delle nostre Divise”.fervicredo“Non poteva cominciare in maniera peggiore il nuovo anno, non solo con il tanto sangue versato negli altri Paesi, ma anche con il sangue di chi, in casa nostra, ha garantito agli italiani di vivere le feste con serenità e in sicurezza rimettendoci la salute. A ben riflettere, però, in Italia l’anno nuovo avrebbe potuto cominciare in maniera peggiore, in maniera disastrosa, se solo un valoroso Poliziotto non avesse subìto sulla sua sola pelle le conseguenze di un gesto vile e violento diretto a colpire persone inermi. Un nuovo ferito a causa del Dovere che non avremmo voluto aggiungere a una lunga e triste lista, e cui diciamo il nostro grazie per il suo sacrificio, riservando un pensiero di vero e profondo affetto ai suoi familiari che, come sempre, sopportano in pieno il peso di un lavoro tanto difficile quanto poco compreso e in questo Capodanno hanno ben poco da festeggiare”.
Con queste parole Mirko Schio, Presidente dell’Associazione Fervicredo (Feriti e Vittime della criminalità e del Dovere), rivolge un doveroso pensiero all’artificiere rimasto ferito a Firenze mentre esaminava un ordigno posizionato fuori da una libreria. Lo scoppio è avvenuto dopo che i Poliziotti, rinvenuto all’alba il pacco sospetto grazie a una segnalazione dei colleghi della Digos, avevano chiuso l’area. L’artificiere è stato sottoposto a un intervento chirurgico ma le ferite che ha riportato alle mani e a un occhio sono molto gravi.
“Speriamo in una pronta e completa guarigione di questo valoroso Servitore dello Stato – conclude Schio -, e speriamo anche che i cittadini e soprattutto chi rappresenta e incarna le Istituzioni riflettano profondamente sulle condizioni di un Paese che ancora si può permettere di vivere con gioia e con serenità momenti di festa proprio come tutti gli altri giorni dell’anno, grazie a donne e uomini che si sacrificano ben più di quanto sarebbe giusto, e questo perché non si fa per loro quanto si potrebbe e dovrebbe. Un Paese che, come diciamo sempre, vanta le migliori Forze di Polizia senza che a questo corrisponda, purtroppo, un conseguenziale trattamento nei loro confronti”.

Info su La Redazione

Controlla Anche

maltrattamenti

Erula.Scoperti dai carabinieri maltrattamenti nella scuola primaria: insegnante sospesa

Il provvedimento emesso dal Tribunale di Tempio Pausania su richiesta della Procura. Sospensione per sette …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com