Home / Attualita' / Consorzio di bonifica: anticipata la chiusura della Diga Maccheronis

Consorzio di bonifica: anticipata la chiusura della Diga Maccheronis

Con l'invaso pieno si scongiureranno le difficoltà dello scorso anno.

ConsorzioAnticipata la chiusura della diga Maccheronis. La decisione è scaturita nei giorni scorsi a Cagliari durante un incontro che si è tenuto 
nel distretto idrografico su iniziativa del presidente del Consorzio di Bonifica della Sardegna centrale Ambrogio Guiso in collaborazione
 con i comuni di Posada, Siniscola, Torpè, San Teodoro e Budoni. 

Abbiamo mantenuto la parola – spiega Ambrogio Guiso – ci siamo battuti riuscendoci affinché, contrariamente a quanto prescritto dal 
decreto della Regione, prevalesse il buon senso e la chiusura fosse anticipata, evitando il serio rischio di cominciare anche quest’anno
 la stagione irrigua con la diga a metà e ripetere l’incubo dello scorsa stagione, quando la diga fu chiusa il 13 aprile e affrontammo,
 in un’annata siccitosa, la stagione con 17 milioni di metri cubi d’acqua con tantissimi problemi per gli agricoltori e i centri turistici”. 

All’incontro di mercoledì a Cagliari hanno partecipato, oltre al presidente e al direttore del Consorzio di Bonifica anche i sindaci di 
Posada, Torpè e Siniscola, i dirigenti di Enas, dell’assessorato ai Lavori Pubblici e del distretto idrografico.  

La decisione è stata unanime – spiega il presidente del Consorzio -. In questo modo ci sono buone possibilità di iniziare la
 stagione irrigua, che parte il 1 aprile, con la diga piena e di non avere delle restrizioni nella erogazione. Ma questo secondo 
obiettivo lo raggiungiamo solo se tutti non sprecheranno un litro di acqua e rispetteranno le prescrizioni che dirameremo a breve”.

In questo momento ci sono in diga 19 milioni di metri cubi d’acqua, ne stanno entrando giornalmente 150mila metri e se ne
consumano 25-30 mila. Per riempire l’invaso mancano circa 4 milioni, obiettivo che continuando di questo passo si dovrebbe centrare.  

Intanto dal Consorzio stanno partendo le lettere indirizzate a tutti i soci che in tempi brevi dovranno indicare il fabbisogno irriguo: 
dovranno insomma scrivere cosa coltiveranno e quanta superficie sarà impiegata.
A quel punto sapremo quanta acqua servirà e potremmo programmare – anticipa Guiso – tenendo anche conto che quest’anno
 è previsto un flusso turistico superiore del 20 per cento”. 

L’obiettivo futuro è quello di rivedere il decreto regionale: “il livello massimo della diga deve essere anticipato di un mese: dal 30 
marzo al 28 febbraio – argomenta ancora Guiso – evitando in stagioni siccitose come lo scorso anno di rimanere con l’invaso mezzo 
vuoto. Ci sono tutte le strumentazioni per mantenere sotto controllo la diga e limitare al minimo i rischi, anche perché le probabilità di
 alluvioni in primavera sono minimi”.

Info su La Redazione

Controlla Anche

Il Gremio dei Muratori di Oristano dall’undici al tredici dicembre, festeggia S. Lucia

Il Gremio dei Muratori di Oristano dall’undici al tredici dicembre, festeggeranno la loro Santa Patrona, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com