Home / Attualita' / Call center, trovata l’intesa governo-imprese

Call center, trovata l’intesa governo-imprese

ROMA – “Abbiamo raccolto la disponibilità dei maggiori committenti, 13 imprese che valgono il 65% del mercato” per la condivisione di un protocollo di intesa che è “segno di grande responsabilità che si è dato il settore privato”

impreseIl ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, illustrando l’iniziativa a Palazzo Chigi, spiega: “Il protocollo ruota attorno alla qualità del servizio, sulle certificazioni linguistiche e ci si impegna a tenere l’80% come soglia di servizi da erogare in Italia. Chi è sopra questa soglia- sottolinea- ovviamente si impegna a rimanerci”. Inoltre le imprese “si prendono l’impegno a non fare gare sotto il costo del lavoro” orario.

Si tratta del “primo caso in Europa di una iniziativa di questo tipo e dimensione. La facciamo non perchè siamo contro il libero mercato, ma perchè ci sono settori più esposti e senza difesa di fornte alla competizione internazionali”.

Quello dei call canter, ricorda Calenda, “ha vissuto un periodo di grande difficoltà, la contrazione della marginalità è stata molto significativa” ed è un settore “più esposto di molti altri alla delocalizzazione perchè la variabile ‘costo del lavoro’ è la più importante”. Il ministro ricorda di aver agito contro la delocalizzazione già in legge di bilancio con un regime sanzionatorio più stringente. “Nei primi 4 mesi del 2017 sono state elevate 120 sanzioni per un importo medio intorno ai 2 milioni di euro. Nel 2016 erano state 34 per 100 mila euro”.

GENTILONI: IMPEGNO PER PROTEGGERE 80 MILA POSTI

È un impegno che fa bene al paese, che lancia un messaggio di tutela del lavoro e di responsabilità sociale delle imprese“. Così il premier Paolo Gentiloni, intervenendo a Palazzo Chigi alla firma di un protocollo che riguarda i call center. “La responsabilità sociale è uno degli esempi più rimarchevoli che possiamo rivendicare in Italia e questo impegno- prosegue rivolgendosi alle aziende- vi fa onore”.

L’intesa, tra l’altro, prevede anche che almeno l’80 per cento dei servizi venga fornito sul territorio italiano. “Il settore dei call center- ricorda il presidente del Consiglio- vede 80 mila persone impiegate” e con la firma di questo protocollo “vogliamo salvaguardare la qualità delle competenze e mantenere le presenze in Italia: diamo un messaggio molto importante e positivo”.

fonte «Agenzia DIRE» – «www.dire.it»

Call center, trovata l’intesa governo-imprese

Info su Agenzia Dire

Controlla Anche

festival

Cagliari. Lunedì appuntamento con il Festival pianistico del Conservatorio

Conservatorio “Giovanni Pierluigi da Palestrina” Lunedì riprendono gli appuntamneti con il “VII Festival pianistico del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com