Home / LE PROVINCE / Cagliari / Cagliari. Uno Sguardo Normale Expo – Sardinia Queer Short Film Festival

Cagliari. Uno Sguardo Normale Expo – Sardinia Queer Short Film Festival

Il corto “Calamity” del regista belga Maxime Feyers si è aggiudicato il maggiore riconoscimento della nuova
edizione di Sardinia Queer Short Film, festival, il concorso internazionale dedicato ai cortometraggi a tema lgbt (lesbica, gay, bisex, trans e queer) organizzato a Cagliari dall’associazione Arc insieme a ARCinema e universitARC.

SguardoLa premiazione del concorso è stata ospitata sabato 11 novembre al Cineteatro Nanni Loy di Cagliari in
conclusione del festival Uno Sguardo Normale Expo. Il riconoscimento Best Short Jury Award è stato assegnato dalla
giuria presieduta dal regista Fabio Mollo e composta da Luisa Cutzu (regista, dottoressa in ricerche in Lingue e
Letteratura dell’Università di Sassari), Massimo Milani (storico attivista del movimento transessuale e LGBT), Joako
Ezpeleta (Festival de Cine LGBT di Barcellona). Al vincitore è andato un premio di 2000 euro. In Calamity il regista
Maxime Feyers mette in scena una narrazione a un tempo claustrofobica e tragicomica, in cui vengono a galla tutti i quei
pregiudizi che, pur combattuti in pubblico, sono ancora in grado di mettere in crisi gli equilibri di una “normale” famiglia
europea. La trama: France (Ingrid Heiderscheidt) incontra per la prima volta la ragazza (François Maquet) di Romain
(Bastien Ughetto), il minore dei suoi due figli e, tra imbarazzo, paura e suggestione, perde letteralmente il controllo…
In serata sono stati assegnati gli altri premi: “Dusk” di Jake Graf (G.B.) ha conquistato la Guria del Pubblico
(premio di 500 euro) e la menzione speciale della Giuria del festival. L’Arc special Award, assegnato dagli organizzatori,
è andato a “Rosita” dell’italiano Pietro Pinto che era presente in sala. Lo Student Award attribuito dagli studenti
dell’associazione Eureka da 300 euro è andato a un altro cortometraggio italiano, “Loris sta bene” di Simone Bozzelli,
anche lui presente in sala. “Doll’s Eyes” di Jonathan Wysocki (USA) ha avuto un premio speciale dalla Giuria del
Festival. La menzione Agedo (associazione di amici, parenti e genitori di persone omosessuali), infine, è andata a “El
Casamiento” di Victor Quintero e Sergio Rey (Spagna).
I finalisti sono stati votati da giuria e pubblico tra i 28 selezionati tra tutti i film iscritti al concorso, arrivati da 21
paesi. Le produzioni sono state realizzate tra il 2016 e il 2017 attorno ai temi di diritti civili, famiglie, amore, amicizia,
legami, intimità e in generale a tutte le tematiche lgbt che da anni animano le iniziative dell’associazione cagliaritana Arc.
Il Festival Uno Sguardo Normale Expo – Sardinia Queer Short Film Festival ha preso il via il 2 novembre
scorso e oltre al concorso di cortometraggi ha dato spazio anche a proiezioni di lungometraggi, presentazioni di libri e
documentari, dibattiti e incontri.

Info su La Redazione

Controlla Anche

screening

Nuoro. Nasce l’Osservatorio Cybercrime Sardegna

NUORO È stato presentato questa mattina, presso la sala conferenze del Presidio Ospedaliero San Francesco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com