Home / LE PROVINCE / Cagliari / Cagliari: arrestati due rumeni per estorsione e porto di oggetti contundenti

Cagliari: arrestati due rumeni per estorsione e porto di oggetti contundenti

Nell’ambito degli ordinari servizi di controllo del territorio, ulteriormente intensificati per rispondere alle esigenze dei cittadini che sempre più spesso si rivolgono alla Polizia di Stato per chiedere prevenzione e sicurezza, gli Agenti della Squadra Volante hanno tratto in arresto BOBOC Florentina 31enne e UNGURU Leon 25enne, entrambi di nazionalità rumena e con precedenti di polizia per il reato di estorsione; UNGURU anche per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

L’episodio è avvenuto intorno alle ore 21.15 di ieri quando, sulla linea 113, è giunta una richiesta di aiuto da parte di una donna che si trovava in Viale Trieste.

Il Centro Operativo ha inviato immediatamente sul posto un equipaggio della Squadra Volante che ha raggiunto la donna (sempre rumena) la quale, visibilmente spaventata, ha raccontato agli Agenti che poco prima era stata avvicinata da un’autovettura BMW con targa tedesca con a bordo due suoi connazionali, un uomo e una donna che, dopo essersi fermati a pochi metri da lei, l’avevano minacciata urlandole nella loro lingua di avvicinarsi per discutere di soldi.

La giovane, intimorita, ha evitato di avvicinarsi all’auto tentando di allontanarsi nella direzione opposta ma il conducente, invertita la marcia, l’ha nuovamente avvicinata; la donna a bordo dell’auto, con fare minaccioso, le intimava di consegnare dei soldi che le avrebbero permesso di poter rimanere in quella zona altrimenti l’avrebbero picchiata e poi sarebbero tornati con altre persone.

I poliziotti, ricevute le descrizioni somatiche e di abbigliamento, mentre si trovavano ancora in Viale Trieste, hanno notato l’auto indicata transitare in direzione Via Roma iniziando a seguirla. L’auto è stata persa di vista per alcuni istanti per poi essere rintracciata poco dopo parcheggiata e aperta nella Via Sassari.

Un equipaggio della Squadra Volante, durante la ricerca dei soggetti, nel transitare in Via Maddalena ha notato un individuo, che corrispondeva alle descrizioni fornite, che attraversava la strada con passo celere bloccandolo ed identificandolo per UNGURU Leon. Il giovane aveva in tasca le chiavi dell’autovettura BMW indicata dalla vittima e trovata parcheggiata nella Via Sassari; nel cofano dell’auto è stata rinvenuta un’asse di legno della lunghezza di un metro della quale non ha saputo fornire giustificazioni plausibili circa il possesso.

Un altro equipaggio, nel transitare in Via Roma, ha notato una ragazza che si trovava all’esterno di un bar, perfettamente corrispondente alle descrizioni fornite, bloccandola ed identificandola per BOBOC Florentina.

Tratti in arresto, su disposizione del P.M. di turno, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Uta in attesa del processo con rito per direttissima previsto per la mattinata odierna.

Info su La Redazione

Controlla Anche

sardegna

A Foras: contro l’occupazione militare della Sardegna

Servitù militari in Sardegna. La posizione di “A Foras” sull’accordo Stato-Regione e l’emendamento Scanu: sulle basi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com