Sartiglia: simbolo di speranza e di resilienza

Sartiglia: simbolo di speranza e di resilienza - Dopo due anni di forzato stop causa Covid, Oristano è pronta a riappropriarsi della sua manifestazione più bella.

Sartiglia: simbolo di speranza e di resilienza

Sartiglia: simbolo di speranza e di resilienza

Sartiglia: simbolo di speranza e di resilienza – Dopo due anni di forzato stop causa Covid, Oristano è pronta a riappropriarsi della sua manifestazione più bella.

Pronta ad aprire le porte a decine di migliaia di turisti per offrire l’unico e straordinario spettacolo della sua inimitabile giostra equestre. Sartiglia: simbolo di speranza e di resilienza.

“La Sartiglia vuole testimoniare un nuovo inizio per la nostra comunità.

Ha detto il Sindaco Massimiliano Sanna presentando la manifestazione nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta stamattina a Palazzo degli Scolopi -.

advertisement

Ci piace pensare che sia un simbolo di speranza per il futuro, ma anche di capacità di affrontare e superare le difficoltà degli ultimi 2 anni.

“Per questa edizione si annunciano numeri record: la vendita dei biglietti va a gonfie vele e in città sono attese decine di migliaia di presenze.

Da domenica 19 a martedì 21 febbraio, nel centro storico di Oristano, spazio allo spettacolo, alla tradizione e al fascino di sempre, gli stessi che si ripetono da secoli”.

Tra le differenze rispetto all’ultima vera edizione della Sartiglia, prima dell’inizio della pandemia, nel 2020, da segnalare il numero dei cavalieri pronti a cimentarsi.

E di nuovo 120, anche se negli ultimi giorni si è registrata l’indisponibilità di una pariglia e quindi si scende a 117 cavalieri.

Novità anche sul fronte dell’assistenza sanitaria con il potenziamento dei servizi e l’allestimento di una un punto medico avanzato nel parcheggio dell’ARST.

Sono confermati i sistemi di accesso all’area della giostra che saranno organizzati tramite portali dotati di telecamere per il conteggio del pubblico.

Anche per questa edizione il focus degli organizzatori è concentrato sulle abituali parole d’ordine: sicurezza, spettacolo e tradizione.

Organizzatori e Forze dell’Ordine non hanno lasciato niente al caso e all’improvvisazione.

La manifestazione, che vede la partecipazione di più di 10 mila spettatori, è a rischio elevato e questo comporta l’adozione di misure specifiche.

Le forze dell’ordine e il personale della sicurezza della Fondazione Oristano saranno impegnati ad assicurare controlli rigorosi nelle strade.

Mentre sarà compito dei cavalieri guidati da Danilo Casula e Giampaolo Mugheddu a dispensare spettacolo e regalare emozioni.