Milena Vukotic, la TV non mi cerca, vorrei tornare a farla

Milena Vukotic: “La TV non mi cerca, vorrei tornare a farla. L’amore del pubblico mi dà l’energia per continuare”

Milena Vukotic è stata intervista dal quotidiano online TAG24 del Cusano Media Group parlando tra le altre cose del suo spettacolo “Milena ovvero Emilie du Châtelet” al Teatro OFF, che torna in scena dal 25 gennaio nel Cuore di Roma.

 

Sullo spettacolo

advertisement

Lo spettacolo è scritto da Francesco Casaretti su Madame du Châtelet, una donna molto importante nel 700. Una scienziata, la prima a tradurre Newton. Un aspetto importante perché all’epoca le donne non potevano studiare. Lei essendo la figlia del capo cerimoniale di Luigi XIV ha avuto questa possibilità. Emelie è stata una femminista, indipendente e libera, scontrandosi con la realtà dell’epoca. La regia è di Maurizio Nichetti, con il quale avevo lavorato e fatto un film”.

 

L’amore del pubblico

Direi che la cosa che rende tutto più o meno possibile sia il sentimento, l’energia che noi abbiamo nei riguardi di quello che facciamo“, confessa l’attrice su una longevità artistica più unica che rara “Penso che se ami qualcosa riesci a trovare la forza e l’energia per andare avanti. Io poi sono figlia di artisti, non avrei potuto fare altro.” L’artista si nutre dell’amore del suo pubblico, conquistato sul grande schermo grazie alla Pina Fantozzi e in tv con Nonna Enrica di “Un Medico in Famiglia“: “L’importante è sentire che le persone mi vogliono bene. Il loro sorriso mi sostiene, è la mia massima aspirazione.

Su Pina Fantozzi

Io non sento un sentimento dell’orgoglio per aver creato il personaggio di Pina Fantozzi, bensì provo un grande piacere di essere riuscita a fare mia un personaggio anticonvenzionale. L’orgoglio non lo sento e non penso sia un sentimento che mi appartiene, sicuramente ho vissuto il piacere di aver lavorato tanto questo personaggio per dargli fisionomia mia”, poi specifica di non essersi mai sentita come lei: “Non so se mi sono mai sentita come Pina, sicuramente lei ha tante cose dentro perché non è solo un personaggio patetico. È una donna e madre capace di sentimenti, il pubblico li ha colti rispondendo con un continuo amore”.

Un medico in famiglia

“Lei è una madre che ha perso una figlia. Sotto un aspetto superficiale nel vestirsi e nel modo di essere nasconde un dolore immenso, che cerca di compensare con il suo atteggiamento verso la famiglia Martini ed in particolare con i nipoti”, svelando poi i rapporti attuali con gli altri membri del cast e la grande voglia di tornare sul set per una nuova stagione “Io tornerei subito a farlo, in tutti quegli anni abbiamo davvero formato una famiglia sul set. Abbiamo visto Anna crescere, fidanzarsi e ora è una donna di 24 anni. Devo dire che mi sento ogni tanto anche con Margot, l’attrice che interpretava mia nipote, che ora ha due figli ed è diventata una madre.  Con Lino abbiamo un rapporto continuo, ci sentiamo sempre ed entrambi pensiamo che sarebbe bellissimo tornare con un’altra stagione. Tutti vorremmo riprendere quell’avventura che in fondo non abbiamo mai davvero lasciato”.

 

Le donne nello spettacolo

 

Non so bene cosa dirle, penso che in generale i ruoli femminili in tutto il mondo siano sempre minori di quelli maschili. Questo è già un limite importante, anche se penso che al cinema le cose stiano cambiando con alcuni ruoli principali dati a delle attrici e delle registe. Nella mia esperienza personale posso dire di aver lavorato con la meravigliosa Lina Wertmuller in due film e in Gianburrasca per la televisione. Oggi penso che lo spettacolo non dia ancora le stesse possibilità alle donne rispetto agli uomini. Il mio personaggio di Emilie in questo spettacolo a teatro è in controtendenza con questo. Lei è una donna che è riuscita ad imporsi in un’epoca in cui non era possibile farlo, nonostante l’ingombrante presenza come amante di Voltaire tra l’altro. Lei è un esempio per tutte le donne di oggi, per questo la porto in scena”.

 

Le mancate offerte dalla TV per Milena Vukotic

No non sono arrivate offerte, mi piacerebbe tanto tornare a fare televisione ma per ora non è accaduto. Devo però sottolineare che è importante la qualità di quel che si fa, una volta c’era più tempo e maggiore cura nel realizzare prodotti televisivi penso anche al meraviglioso Gianburrasca. Ora si pensa più alla quantità delle produzioni con tempi di lavoro più frenetici.  Non vorrei mai fare delle cose che non mi consentono di sviluppare bene i miei personaggi.

Io amo il mio lavoro e amo lavorare nel modo migliore“, mentre spiega di non aver mai ricevuto proposte per un reality show in stile Grande Fratello “Non me l’hanno mai proposto, sinceramente non seguo e non so cosa vorrebbe significare fare un reality show. Credo di non essere adatta e a nessun autore verrebbe in mente di contattarmi. Quando ho fatto Ballando l’ho fatto perché era qualcosa di diverso e perché amo la danza”