Domus de Janas di S’acqua Salida – Laboratorio e degustazione fregula

TREXENTA EXPERIENCE, PIMENTEL SVELA I SEGRETI DELLE DOMUS DE JANAS DI S’ACQUA SALIDA. LABORATORIO E DEGUSTAZIONE DELLA FREGULA

– APPUNTAMENTO 3 DICEMBRE 2022 –

Pimentel, 1 dicembre 2022 – Fa tappa a Pimentel il prossimo appuntamento di Trexenta Experiencedomenica 3 dicembre alle ore 15, tra bellezze archeologiche e tradizione culinaria, i visitatori potranno godere di un pomeriggio all’insegna della storia e delle usanze del luogo.

Il programma

Prevede la visita alle Domus de Janas di S’Acqua Salida, la lezione di cucina sulla fregula tradizionale e contemporanea con la partecipazione dello Chef Patrizio Perra. Minestra de Lampatzu -Fregula di Canapa, in collaborazione con il laboratorio artigianale “Hemp Factory” di Roberto Piseddu. Dimostrazione della preparazione della fregula sarda con Ignazia Murgia. A ciascun partecipante verranno consegnate le ricette. A seguire, la degustazione della fregula accompagnata dai vini locali Montegranatico prevista per le ore 18 circa.

Presentazione progetto di ricostruzione 3D sulle Domus de Janas realizzato da Luca Pillolla 18:30. E presentazione del libro LE CASE DELLE FATE L’INCANTO DELLE DOMUS DE JANAS. Un viaggio nella Preistoria della Sardegna (Edizioni Abbà) Di Tonino Oppes e Nicola Castangia. Letture di Daniela Deidda.

advertisement

L’iniziativa

Nasce dentro il programma e la manifestazione di “Trexenta Experience“, un viaggio alla riscoperta del territorio, fortemente voluto dall’Unione dei Comuni, dove protagonista assoluto è il visitatore che, attraverso varie tappe – della durata di due mesi – sarà coinvolto in un’esperienza emotiva, sensoriale, storica , ambientale, ma anche fisica e intellettuale.

Il percorso

Pensato per appuntamenti del fine settimana, attraversa e coinvolge i paesi di Senorbì, Ortacesus, Siurgus Donigala, Pimentel, Suelli, Guasila, Gesico, Selegas e Guamaggiore.
“Trexenta Experience” mira alla valorizzazione delle risorse archeologiche, a quello che viene chiamato un turismo “lento” e di qualità e che si affida alla forza della cultura, delle feste e dei riti religiosi e alla tradizione, sia essa musicale, culinaria, o dei costumi e delle usanze tipiche. In sintesi: una innovativa evoluzione culturale della fruizione turistica, dove l’ospite diventa attore attivo principale grazie a esperienze indimenticabili, nelle suggestive località archeologiche.