Il Crogiuolo prende residenza a Genoni

A GENONI UNA NUOVA RESIDENZA ARTISTICA ORGANIZZATA DA IL CROGIUOLO  PER IL RIALLESTIMENTO DELLO SPETTACOLO DI MARCO NATERI “IO E ANDERSEN”. DOMENICA AL MONTEGRANATICO ALLE 17 VA IN SCENA LA RIPRESA DELLA COPRODUZIONE. TEATRO DEL SEGNO – IL CROGIUOLO.

 

Il crogiuolo realizza a Genoni una nuova residenza artistica: il risultato è una nuova versione di “Io e Andersen”, spettacolo per i bambini e le famiglie ideato da Marco Nateri, scritto, diretto e illustrato dal regista, costumista e scenografo cagliaritano con Anna Paola Marturano. La ripresa dello spettacolo coprodotto dal Teatro del Segno con il crogiuolo andrà in scena nel paese del Sarcidano Genoni domenica (27 novembre) alle 17 al Montegranatico.

 

advertisement

Nel corso della residenza in un’antica casa ottocentesca, acquistata e poi restaurata dal Comune di Genoni, le interpreti dello spettacolo, Anna Paola Marturano e Patrizia Vacca, hanno creato nuove storie in aggiunta ad alcune delle 156 fiabe scritte fra il 1835 e il 1872 dall’autore danese. La rappresentazione è preceduta da un laboratorio per i bambini del territorio, ideato per costruire un teatrino di carta animato da sagome e così raccontare tante avventure attraverso la tecnica del teatro delle ombre.

 

Nello spettacolo entra in scena il signor Andersen col suo cilindro e la sua redingote ed una scatola di tesori, una scatola contenente carta colorate di ogni tipo, forbici, sagome per raccontare le avventure di tanti personaggi. Le voci registrate delle attrici Mariagrazia Bodio, Evelina Nazzari, Monica Rogledi, Rita Atzeri, Lucia Bendia e degli attori Stefano Ledda, Alessandro Pala Griesche e Blas Roca Rey, narrano tante storie da ascoltare: le vicende della piccola fiammiferaia, di un imperatore che voleva dei nuovi vestiti, un gran pesce dalla cui bocca mostruosa appare il soldatino innamorato. I personaggi sono animati dallo stesso Andersen, che con un semplice movimento farà danzare rondini e farfalle e divenire un chicco d’orzo un grande fiore profumato e colorato.

 

Marco Nateri – Dopo studi universitari (Facoltà di lettere a indirizzo artistico), ha ricevuto una borsa di studio per frequentare il Laboratorio di Esercitazioni Sceniche/Sezione costumi di Roma diretto da Gigi Proietti. Contemporaneamente ha iniziato la collaborazione con il regista Marco Gagliardo con il quale ha firmato il suo primo spettacolo The Knack di Ann Jellicoe, seguito da oltre cinquanta allestimenti nel campo della prosa su testi di Goldoni, Fassbinder, Copi, Koltes, Shakespeare, Tasso.

Ha collaborato con i registi Marco Parodi, Rino Sudano, Carlo Quartucci, Riccardo Reim, Andrea Dosio, Lelio Lecis, Primo Antonio Petris, Piera Degli Esposti, Maria Assunta Calvisi. È stato assistente di Ivan Stefanutti, Francesco Zito, Denis Krief e ha collaborato con Pasquale Grossi, Carlo Diappi, Claudine Gastine, Françoise Tournafond, Graziano Gregori, Francesco Esposito. È stato inoltre assistente di Franco Folinea (direttore della sartoria del Festival dei 2 Mondi di Spoleto) dal 1986 al 1999 e direttore di sartoria del Teatro Regio di Parma dal 2011 al 2012.

Ha disegnato i costumi di Semele (regia di Roman Hurko) per il Festival dei 2 Mondi di Spoleto, L’Olimpiade (regia di Petris) per il Teatro Comunale di Bologna, Il barbiere di Siviglia (regia di Francesco Esposito) per il Teatro Verdi di Padova, Madama Butterfly (regia di Gabris Ferrali) per il Teatro Verdi di Padova, Andrea Chénier (regia di Petris) per il Teatro Comunale di Foggia, Macbeth (regia di Mario Pontiggia) a Las Palmas, Die Entführungaus dem Serail (regia di Petris) per il Teatro Olimpico di Vicenza, Adina (regia di Petris) per il Festival Rossini a Wildbad, Cosi fan tutte (regia di Petris) e Falstaff (regia di Giulio Ciabatti) in Olanda, Le nozze di Figaro (regia di Petris) per il Teatro Olimpico di Vicenza, L’amico Fritz (regia di Petris) e I Shardana (regia di Davide Livermore) per il Teatro Lirico di Cagliari.

Ha inoltre collaborato con Rai YoYo per un programma sui costumi realizzati con la carta. Recentemente per il Teatro Lirico di Cagliari ha curato Regine, Draghi e principesse, laboratorio teatrale di scenografia, costumi e trucco destinato ai più piccoli. Ha curato inoltre regia, scene, costumi e luci dell’operina musicale ZIN BUM BUM. Edina e i ricordi di carta, di cui è anche autore del libretto insieme a Giovanna Deidda e a Gianluca Erriu, autore delle musiche. Nel 2019 per il Teatro del Segno di Cagliari ha curato la regia e la messa in scena dello spettacolo Spogliarello di Dino Buzzati.

 

Il crogiuolo

tel. 334 8821892

ilcrogiuolo@gmail.com

www.ilcrogiuolo.eu