Is Mascareddas presenta Anima IF a Cagliari

IS MASCAREDDAS presenta ANIMA IF, Festival internazionale del teatro di figura V EDIZIONE Sa Manifattura, Cagliari Da martedì 25 a domenica 30 ottobre  

   

Domani, sabato 29 ottobre, quinta giornata di ANIMA IF, festival internazionale del teatro di figura. In scena dalla Francia la compagnia La Pendue, al mattino la proiezione di Con la S maiuscola, nel pomeriggio lo spettacolo di Silvia Bandini e le letture di Betti Pau.

Nuovo appuntamento a Cagliari con la quinta edizione di ANIMA IF, la rassegna internazionale del teatro di figura organizzata da Is Mascareddas, in corso a Sa Manifattura sino a domenica 30 ottobre. 

advertisement

Danza, corpo e movimento sono i tre elementi al centro dell’indagine del festival, che dalla tradizione del teatro di figura si muove verso la sperimentazione di nuovi linguaggi di animazione, più ibridi e inaspettati. Una proposta eterogenea interamente rivolta a un pubblico adulto (a partire dai 14 anni).

Domani, sabato 29 ottobre, è il giorno di Tria Fata, della compagnia La Pendue dalla Francia. In scena a partire dalle 20,30 Estelle Charlier e Martin Kaspar Orkestar. Lei burattinaia, lui musicista, nel loro cabaret giocano la vita e la morte. Al centro della drammaturgia il telaio che determina i destini, quello delle tre parche, dove i fili della vita si intrecciano, si dispiegano, si spezzano. Tria Fata è la storia di un’anziana donna che ripercorre, attraverso una serie di bambole russe, le emozioni di un’intera vita. 

Ma il sabato di ANIMA IF comincia al mattino, quando alle 11,00 si proietta Con la S maiuscola, un lavoro dell’associazione culturale InMediazione sulla lingua, la cultura e l’identità delle persone sorde. Un film in cui il corpo e il movimento si ritrovano spesso a sostituire la parola. Un’opera dedicata all’accessibilità culturale con l’intento di indagare le difficoltà della comunicazione.

Si prosegue poi nel pomeriggio, dalle 18,00, con una tavola rotonda sull’arte del teatro di figura, della danza e sulle contaminazioni contemporanee. Partecipano Ornella D’Agostino, Raimonda Falchi e Simonetta Pusceddu. 

Spazio quindi all’intervento di Betti Pau con Un due trè, lettura ironica tra ricordi e sogni irrealizzati, venata di una leggera malinconia. 

A seguire Silvia Bandini protagonista di 752 giorni, un dialogo sospeso tra una donna e un omino di legno. Il luogo di questo incontro è uno spazio rarefatto in cui il tempo si dilata, il silenzio diventa ritmo e lo scorrere del tempo assume peso. Attraverso un gioco di luce e ombrai due personaggi entrano in connessione alimentando uno l’anima dell’altro.

 

A fare da raccordo tra la prima e la seconda parte della serata, è invece il ciclo di aperitivi in collaborazione con Stazione di Transito, che offre cibi ed esperienze musicali da tutto il mondo grazie a una brigata di cucina capace di diventare marching band. Uno spazio informale di condivisione tra gli artisti e il pubblico, che aiuta il festival a farsi comunità. Domani in collaborazione con la cantina delle cantine Santadi

 

Ogni giornata del festival ospita inoltre il progetto Dance Box, un’azione collettiva che nasce dalla volontà giocosa di creare una video memoria del movimento. Sarà allestista una sorta di grande scatola colorata, una stanza color senape. Una persona alla volta verrà invitata a entrare, indossare delle cuffie e lasciarsi guidare dalle istruzioni. Una musica suggerirà il ritmo, un momento privato da restituire alla comunità sotto forma di danza. Un archivio indistruttibile del movimento, una testimonianza visiva e del contributo personale e variegato della comunità. 

ANIMA IF prosegue sino a domenica 30 ottobre con 15 appuntamenti in cartellone divisi su 2 palchi, con 11 titoli per 13 spettacoli e 2 workshop, in 6 giorni di festival. Non solo performance ma anche incontri, proiezioni, dibattiti, laboratori e momenti di creazione partecipativa. Una proposta eterogenea interamente rivolta a un pubblico adulto (a partire dai 14 anni), con artisti dalla Sardegna, dal Piemonte, dalla Slovenia, dalla Spagna, dalla Francia, dal Giappone.

ANIMA IF è sostenuto dal contributo di Fondazione Banco di Sardegna, Regione Sardegna, Assessorato alla Pubblica Istruzione della Regione Sardegna e Ministero della Pubblica Istruzione.

Il festival è patrocinato da Unima Italia e realizzato in collaborazione con Sa Manifattura, Sardegna Teatro, ATF, Corsica Sardinia Ferries, Amleta, Finsardegna, Progetto Cantiere, Teatro del Drago, Inmediazione, Campsirago Residenza, Teatro Instabile, Tuttestorie e Spazio Danza.

biglietti 

€ 10 Biglietto uno spettacolo

€ 15 Biglietto giornaliero

€ 60 ANIMA CARD

€ 30 Workshop con Damiano Privitera

€ 10 Workshop LIS con InMediazione

info e prenotazioni 

 +39 346/5802580 | +39 392 3804404

www.ismascareddas.it