A rischio il cuore delle donne

A rischio il cuore delle donne

A rischio il cuore delle donne: ritardi nella diagnosi e nella presa in carico delle pazienti con scompenso cardiaco, patologia sottovalutata e poco riconosciuta – Milano, 28 settembre 2022

A rischio il cuore delle donne: ritardi nella diagnosi
e nella presa in carico delle pazienti con scompenso cardiaco, patologia sottovalutata e poco riconosciuta

Nelle donne italiane l’incidenza di scompenso cardiaco con funzione sistolica conservata

è doppia rispetto alla popolazione maschile e la prevalenza della malattia è maggiore nelle ultra 79enni rispetto agli uomini nella stessa fascia d’età.

advertisement

Questo il quadro emerso da un’analisi della letteratura scientifica esistente, presentata dalla Professoressa Nadia Aspromonte, Responsabile UOS “Scompenso Cardiaco” del Policlinico Gemelli di Roma, nell’ambito del Media Talk “Donne e Salute. L’importanza di seguire il cuore”, promosso da Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly.

L’incontro ha evidenziato come la scarsa consapevolezza del rischio cardiovascolare femminile sia una delle cause dei ritardi nella presa in carico delle pazienti colpite da scompenso cardiaco.

Necessario aumentare la conoscenza di sintomi e fattori di rischio nelle donne, mettendo in risalto l’importanza di rivolgersi al medico il prima possibile.

 

“Donne e Salute. L’importanza di seguire il cuore. Rischio cardiovascolare e malattie metaboliche nelle donne: il punto su sintomi e presa in carico”

Milano, 28 settembre 2022 – Sono circa 600.000 gli italiani che soffrono di scompenso cardiaco e si stima che la sua prevalenza raddoppi a ogni decade di età[1].

Di questi circa la metà sono di sesso femminile e la patologia è responsabile del 35% dei decessi per malattie cardiovascolari nelle donne in tutte le classi d’età (oltre 120.000 decessi/anno[2]).

Il rischio cardiovascolare non può più essere considerato come un problema al maschile: per questo diventa sempre più importante migliorare tra le donne la conoscenza dei fattori di rischio, dei sintomi legati alle malattie cardiovascolari, in particolar modo allo scompenso cardiaco, sottolineando al tempo stesso l’importanza dell’informazione e del dialogo tempestivo con il medico per una corretta e tempestiva presa in carico.

Questo il tema principale del Media Talk “Donne e Salute. L’importanza di seguire il cuore. Rischio cardiovascolare e malattie metaboliche nelle donne: il punto su sintomi e presa in carico” promosso da Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly che si è tenuto oggi a Milano.

Durante l’evento la Professoressa Nadia Aspromonte, Responsabile UOS “Scompenso Cardiaco”, Dipartimento Scienze Cardiovascolari del Policlinico Gemelli di Roma, ha presentato e commentato un’analisi della letteratura scientifica internazionale che indaga il rischio di scompenso cardiaco nelle donne e compara la tempestività nella diagnosi e nella presa in carico, rispetto agli uomini.

Lo scompenso cardiaco è una patologia cronica caratterizzata dalla difficoltà del cuore a svolgere la sua normale funzione meccanica e a fornire una circolazione adeguata a soddisfare le richieste di sangue ossigenato da parte dell’organismo.

Secondo i dati presi in esame, nonostante lo scompenso cardiaco colpisca prevalentemente gli uomini, l’incidenza di scompenso cardiaco con funzione sistolica conservata nelle donne italiane è doppia rispetto alla popolazione maschile e la prevalenza della malattia è maggiore nelle donne ultra 79enni rispetto agli uomini nella stessa fascia d’età.

La diagnosi, però, spesso è più tardiva rispetto agli uomini a causa di una sottovalutazione da parte delle stesse pazienti di sintomi comuni come affaticamento e dispnea, e di sintomi non specifici che possono essere confusi con quelli legati a comorbidità come obesità, ipertensione arteriosa, diabete, distiroidismo, depressione e fibrillazione atriale.

I fattori di rischio per lo scompenso cardiaco sono simili negli uomini e nelle donne ma, in queste ultime e specialmente nelle donne in post-menopausa, questi includono ipertensione, cardiopatia valvolare, diabete e malattia coronarica.

Dall’analisi dei dati emerge che esistono non solo differenze di genere nella diagnosi dello scompenso cardiaco ma anche diseguaglianze assistenziali nel percorso di cura. In effetti, le donne hanno meno probabilità di ricevere una consulenza specialistica: sia in Europa che negli Stati Uniti, le donne sono più spesso diagnosticate e curate dai medici di medicina generale invece che dagli specialisti cardiologi.

Per quanto riguarda invece la ricerca clinica, le donne sono spesso sottorappresentate negli studi clinici relativi allo scompenso cardiaco e, negli ultimi 40 anni, la percentuale di donne reclutate negli studi clinici è rimasta costante intorno al 20-30%.

Si rende, quindi, necessario lavorare all’implementazione di un percorso di cura personalizzato per le donne, che metta insieme tutti i passaggi essenziali nella presa in carico di una donna con scompenso cardiaco: dall’identificazione della donna a rischio, in particolar modo con la corretta valutazione dei sintomi, ad una maggiore sensibilità verso la prevenzione dello scompenso nelle donne con una diagnosi di obesità, diabete o ipertensione, fino alla personalizzazione della cura con un cambiamento adeguato nello stile di vita.

 

Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company

A gennaio 2011 Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company hanno annunciato la loro alleanza in diabetologia per lo sviluppo di farmaci in alcune delle principali classi farmacologiche in questo ambito. A seconda dei Paesi, le due aziende promuovono congiuntamente o separatamente le molecole che ciascuna di esse contribuisce all’alleanza. L’alleanza sfrutta i rispettivi punti di forza delle due aziende farmaceutiche, che sono fra le maggiori a livello mondiale, e ne dimostra l’impegno non solo nella cura delle persone con diabete, ma anche nell’indagare il potenziale verso aree in cui sussiste un bisogno terapeutico ancora insoddisfatto. Sono in corso studi clinici per valutare empagliflozin in persone con scompenso cardiaco o malattia renale cronica.

 

Boehringer Ingelheim 

Boehringer Ingelheim si impegna nello sviluppo di terapie fortemente innovative che possano migliorare la vita delle persone e degli animali.  In qualità di azienda biofarmaceutica guidata dalla ricerca, l’azienda crea valore attraverso l’innovazione in ambiti in cui ci sono ancora bisogni terapeutici insoddisfatti.

Fondata nel 1885, Boehringer Ingelheim è, da allora, un’azienda a proprietà familiare con una visione di lungo termine. Oltre 52.000 collaboratori operano nelle tre aree di business, Human Pharma, Animal Health e Biopharmaceutical Contract Manufacturing, in oltre 130 mercati.

Per saperne di più su Boehringer Ingelheim visitare www.boehringer-ingelheim.com

 

Eli Lilly and Company 

Lilly è un leader globale nel settore sanitario che unisce la cura e la scoperta per creare farmaci che rendono la vita migliore alle persone di tutto il mondo. Fondata oltre un secolo fa da un uomo impegnato a creare farmaci d’alta qualità che rispondono a bisogni reali, Lilly è rimasta fedele a quella missione in ogni sua attività. In tutto il mondo, i dipendenti Lilly lavorano per scoprire e rendere disponibili farmaci che cambiano positivamente la vita delle persone che hanno bisogno di quelle terapie, per aumentare le conoscenze e migliorare la gestione delle patologie e dare il proprio contributo al bene comune con attività filantropiche e opere di volontariato.

Per saperne di più su Lilly visitare lilly.com e lilly.com/newsroom.

[1] Ministero della Salute

[2] Report ISTAT – Le principali cause di morte in Italia – anno 2012