Torpèstate: sette eventi del centro baroniese

Torpèstate

Torpèstate: sette eventi del centro baroniese

Arriva “Torpèstate”: da domani 6 agosto sette eventi per animare le serate e favorire lo sviluppo locale del centro baroniese.

Torpè, 5 agosto 2022 – Ultimi preparativi in vista della partenza di TorpÈstate, la rassegna di eventi musicali, folkloristici, artigianali, enogastronomici e di spettacolo per grandi e piccini, che prenderà il via domani sera nel centro baroniese e accoglierà i visitatori in queste calde giornate estive sino a dopo Ferragosto. Gli appuntamenti sono organizzati grazie al finanziamento della Fondazione di Sardegna e del Comune di Torpè, con il patrocinio del Parco naturale regionale di Tepilora e dell’Unione dei Comuni del Mont’Albo, e grazie alla collaborazione di diverse associazioni, volontari ed operatori economici.  Domani alle 20, in piazza Purissima, è in programma la Sagra del maialetto, a cura di Sa Dea e dell’Us Torpè. Martedì 9 agosto (piazza Vittorio Veneto, con inizio alle 21) andrà in scena lo spettacolo musicale con i cantautori Dual Mode. Il giorno seguente (piazza Caduti sul Lavoro, sempre alle 21) si esibirà il Claudia Aru duo. Anche giovedì 11 agosto sarà la piazza Caduti sul Lavoro (ore 21) il polo d’attrazione: di scena la rock’n roll band The Shakin’ Apes: Salvatore Luzzu (chitarra), Pierpaolo Sanna (voce), Gavino Corrias (basso) e Antonio Cocco (batteria) proporranno brani degli anni Cinquanta, in salsa Stelle e strisce.

Il clou della programmazione di TorpÈstate si raggiungerà il 13 agosto con Pratas in festa, quando dalle 20 si aprirà la sagra del maialetto e i punti enogastronomici del paese e alle 21 i Mamuthones, le antiche maschere del carnevale di Mamoiada, attraverseranno le vie del centro ritmando il passo al suono dei campanacci. Il 18 agosto (via San Nicolò, ore 21) sarà invece la volta della Seuin Street Band. Infine, la chiusura prevista per venerdì 19 agosto sarà tutta dedicata ai bambini nella straordinaria cornice del borgo di Brunella, dove i più piccoli faranno un tuffo in un passato non troppo lontano nel maneggiare vecchi giochi in legno con cui sono cresciuti genitori e nonni. Tutti i concerti sono a ingresso gratuito.

L’obiettivo. Come si può notare, il programma si propone di articolare all’interno del centro abitato torpeino una passeggiata che collegherà diversi luoghi emblematici del Comune baroniese, come piazza Vittorio Veneto, piazza dei Caduti e il Museo Civico di recente istituzione, in un itinerario che ospiterà diversi produttori, artisti e artigiani locali e forestieri. Il progetto punta a rendere maggiormente abitabile e vivibile l’area urbana, attraverso una serie di attività che permettano alla cittadinanza, sia residente che stagionale, di abitare la comunità e animare il paese, con diverse opportunità di interazione e socialità che siano spunto di conoscenza e incontro. Gli spettacoli saranno forza trainante per attrarre visitatori e promuovere maggiormente il sistema museale comunale e il complesso archeologico di San Pietro. I momenti di svago e intrattenimento si intrecceranno così con momenti di cultura e approfondimento per dar luogo a esperienze significative di coinvolgimento e di partecipazione in un’ottica di sviluppo locale in cui i cittadini sono i veri protagonisti.

advertisement

I diversi spettacoli etnici itineranti e le serate folkloriche che si svolgeranno nelle prossime serate di agosto ben si abbinano con gli spettacoli per bambini (giochi di legno, mangiafuoco, ecc.) e con rappresentazioni musicali di vario genere (jazz, leggera, rock) con un ampio ventaglio di offerta in grado di poter soddisfare i diversi gusti e i diversi orientamenti musicali degli spettatori.

I mercatini all’aperto saranno poi l’occasione per produttori locali, artisti e artigiani per mettere in vetrina i propri prodotti e manufatti e di allietare le passeggiate dei visitatori. Alle esposizioni sono stati invitati produttori, artigiani e artisti provenienti principalmente dall’area del Parco di Tepilora e della Riserva della Biosfera MaB Unesco Tepilora, Rio Posada e Montalbo, ma aperti anche alle altre zone della Sardegna e del mondo per un principio di inclusività, di scambio e confronto.

Il sindaco. “Grazie a questo genere di rassegne Torpè si conferma sempre di più un territorio pronto ad accogliere i tanti turisti, soprattutto famiglie, che ogni anno affollano i centri litoranei dell’alta Baronia e della bassa Gallura. Un luogo dove il rapporto con i visitatori è cresciuto e maturato anno dopo anno e che ci permette di offrire servizi, storia, tradizioni, ambiente e cibo di eccellenza proprio nel cuore del Parco di Tepilora, dove il rapporto tra uomo e natura fanno di quest’area protetta uno dei luoghi più incontaminati della Sardegna e dell’intero Mediterraneo”, ha osservato il sindaco di Torpè, Martino Sanna.

L’assessore. “Come amministrazione comunale – ha spiegato l’assessore alla Cultura, Turismo e Commercio, Marco Zirottu – abbiamo cercato di costruire un programma agostano capace di valorizzare il territorio e di venire incontro alle esigenze di turisti e residenti. Un’idea che perseguiamo non solo durante la stagione estiva, ma anche nel resto dell’anno rapportandoci con i diversi target di visitatori con cui stiamo avviando processi di fidelizzazione capaci di rendere Torpè un centro appetibile da raggiungere e vivere anche fuori stagione”.