Agricoltura sarda: nessuna traccia di indennizzi

Agricoltura sarda: nessuna traccia di indennizzi

AGRICOLTURA SARDA: DEGLI INDENNIZZI PROMESSI ALL’AGRICOLTURA NESSUNA TRACCIA. IL PARADOSSO: CHI HA COLTIVATO GRANO QUEST’ANNO RISCHIA DI RIMETTERCI

Agricoltura sarda: che fine hanno fatto le promesse della Regione, per gli indennizzi promessi a causa dei maggiori costi delle materie prime?

A chiederselo e a ricordarlo è ancora una volta, nel silenzio assordante di tutti e in particolare dell’Assessore regionale all’agricoltura,

Tore Piana Presidente del Centro Studi Agricoli. 

advertisement

Nella finanziaria regionale di Febbraio 2022 furono stanziati 40 milioni:

per indennizzi al solo comparto dell’allevamento ( Bovini-Suini-Ovini) per aiutare, giustamente i maggiori costi nelle produzioni, ( energia elettrica, gasolio. Concimi e mangimi).

Con quel provvedimento di Febbraio/Marzo, furono escluse tutte le colture di produzione agricola ( cerealicoltura, mais , orzo, grano, olivicoltura, viticoltura, risicoltura e altre);

con la promessa, che gli aiuti, sarebbero state inserite nella Legge Regionale Omnibus 2, altri 40 milioni regionali, che avrebbero reso equo il trattamento per tutti gli agricoltori Sardi.

Una promessa da parte della politica Regionale, che avrebbe dovuto concretizzarsi entro il mese di Maggio 2022, appunto con l’approvazione della Legge Regionale Omnibus 2.

Ad oggi, e siamo al 9 Agosto, della Legge Regionale, si sente solo parlare e del  Consiglio Regionale non risulta nessuna convocazione.

Un ritardo nel silenzio assordante di tutti, che porta in Sardegna ad avere imprenditori agricoli di serie A e di serie B, una guerra fra poveri, continua Tore Piana, che alimenta un senso di malessere diffuso nel mondo agricolo Sardo.

Ad aggravare la situazione, sono anche i fortissimi ritardi sul pagamento di migliaia di domande di indennizzi e finanziamenti, presentate da mesi ed alcuni casi presentate
da anni;

ci riferiamo agli indennizzi sul Biologico, sulle misure PSR 4.1 e 6.1 destinate ai giovani;

agli indennizzi sulla Lingua Blu;

ai danni dagli incendi dell’incendio sul Montiferru;

agli indennizzi sui danni alle cavallette;

al bando sui riproduttori,

solo per ricordarne alcune, continua Tore Piana.

Una situazione che non può passare nel silenzio di tutti e in particolare dell’assessore regionale all’agricoltura una situazione non più accettabile, qualcuno dovrà assumersi la piena responsabilità di questa disastrosa situazione,

afferma Tore Piana.

Nel mondo delle campagne Sarde, sale di giorno in giorno il malessere, che rischia di portare in autunno a grandi proteste, da parte del mondo agricolo Sardo.

Ad aggravare la situazione la siccità che sta colpendo la Sardegna e il paradosso di chi
quest’anno ha coltivato e prodotto grano, rischia di rimetterci anziché guadagnare, a seguito dei maggiori costi di produzione e delle rese di produzione del grano per ettaro, bassissime che non coprono i costi di produzione nonostante il prezzo alto del grano.

Faccio a nome del Centro Studi Agricoli, un forte appello al Presidente della Regione
e all’Assessore regionale all’agricoltura;

affinché si attivino con urgenza, per sbloccare le migliaia di domande in attesa di essere pagate e di inserire gli indennizzi al comparto agricolo, promessi e che sino a oggi inesistenti,

conclude Tore Piana.