XIX edizione “La valigia dell’attore”

XIX edizione "La valigia dell'attore" - Al via la XIX edizione del festival La valigia dell'attore, l'appuntamento annuale di approfondimento sul lavoro d'attore intitolato a Gian Maria Volonté. 

XIX edizione

XIX edizione “La valigia dell’attore”

XIX edizione “La valigia dell’attore” – Al via la XIX edizione del festival La valigia dell’attore, l’appuntamento annuale di approfondimento sul lavoro d’attore intitolato a Gian Maria Volonté.

XIX edizione “La valigia dell’attore” – L’Isola di La Maddalena è pronta ad accogliere la manifestazione che anche quest’anno presenterà novità e curiosità, tra inediti, omaggi al cinema sardo, proiezioni selezionate dal alcuni film tra i più significativi della stagione e incontri con i protagonisti del grande schermo.

Con la direzione artistica di Giovanna Gravina Volonté, Boris Sollazzo e la preziosa collaborazione di Fabio Ferzetti, il festival debutta martedì 26 luglio con lo svelamento di un documentario, totalmente inedito per l’Italia, Rosi About Eboli realizzato dai registi svedesi Björn Blixt e Peter Englesson durante le riprese del film di Francesco Rosi Cristo si è fermato a Eboli (1979).

Ad introdurlo, alla Fortezza I Colmi alle ore 21:00 ci saranno il regista Björn Blixt e la ricercatrice Giulia Longo, mediatrice culturale tra Italia e Danimarca (paese dove attualmente vive il regista), a cui si deve l’interessamento per la promozione del documentario nella nostra Penisola.

advertisement

Dell’opera verrà proiettata un’intervista concessa all’epoca da Gian Maria Volonté durante le riprese del film, mentre la versione integrale verrà proiettata il 28 luglio alle ore 11.00 presso gli ex Magazzini Ilva di Cala Gavetta, alla presenza degli stessi e di  Domenico De Gaetano e Claudia Buzzone, rispettivamente direttore e responsabile della diffusione e promozione mostre del Museo Nazionale del Cinema di Torino che la riporteranno in visione in autunno, in occasione dell’omaggio ai 100 anni della nascita di Francesco Rosi: un’iniziativa che partirà il 15 novembre 2022 con tre giorni di proiezioni al Cinema Massimo e un’esposizione alla Mole Antonelliana in programma fino al 23 febbraio 2023.

La prima serata del festival proseguirà con la proiezione di Ennio, l’opera-tributo di Giuseppe Tornatore al due volte Premio Oscar Ennio Morricone.

Regista ad oggi di dodici film e dieci documentari, molti dei quali fortemente autobiografici, Tornatore rende omaggio a uno storico amico e collaboratore ripercorrendone vita e opere, dall’esordio con Sergio Leone fino al Premio Oscar per The Hateful Eight nel 2016.

Il documentario è ricco di   testimonianze dirette con amici, collaboratori e colleghi di Morricone durante tutta la sua attività professionale ed offre una serie di preziosi contributi tratti da molti anni di ricerche di archivio, oltre a clip tratte da iconici film musicati da Morricone, tra i quali alcuni interpretati da Volonté, e filmati esclusivi delle scene e dei luoghi che hanno definito la sua vita.

Björn Blixt è nato a Malmö, nell’estremo sud della Svezia. Dopo il liceo ha studiato Storia dell’Arte Moderna presso l’Università di Lund.

Con una borsa di studio ha comprato una fotocamera e ha iniziato a fotografare oggetti di moda e di design.

Ha frequentato la Scuola Svedese di Cinema a Stoccolma, dove si è diplomato come Direttore della Fotografia. Ha girato lungometraggi, serie tv, spot pubblicitari e documentari, viaggiando molto.

Giulia Longo è nata a Napoli, dove ha studiato Filosofia (ed oggi è dottore di ricerca in Filosofia Teoretica). Vive e lavora tra Roma e Copenaghen, dove traduce le opere di Søren Kierkegaard (e di poeti e scrittori danesi) in italiano.

La sua grande passione è il cinema: ha frequentato vari corsi di sceneggiatura, l’ultimo dei quali coronato da un ciclo di incontri con Thomas Vinterberg, suo regista-modello. (È alle prese con la stesura del suo primo film.)

È borsista presso l’Accademia di Danimarca di Roma.

Articolo precedenteTerza edizione di “Ripuliamo il mare”
Articolo successivoPolizia di Stato di Cagliari – Le news
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore, poeta e giornalista. Si è diplomato nel 2022 presso l'Accademia d'arte di Cagliari. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, nel quale è socio Senior, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online. Nell'Ottobre 2022 esce il suo terzo cortometraggio: "The Overseers". A Febbraio 2023 uscirà il suo prossimo libro: "Il multiverso negli occhi".