Vamonos-vacanze.it

Vamonos-vacanze.it - Dalla russia con furore? Non più, il turismo russo si ferma, in parte compensato dalla crescita di quello nazionale per mete come la Sardegna: a tracciare il bilancio è Vamonos-vacanze.it

Vamonos-vacanze.it

Vamonos-vacanze.it

Vamonos-vacanze.it – Dalla russia con furore? Non più, il turismo russo si ferma, in parte compensato dalla crescita di quello nazionale per mete come la Sardegna: a tracciare il bilancio è Vamonos-vacanze.it

Vamonos-vacanze.it – A fare le somme è la piattaforma Vamonos-Vacanze.it che è riuscita anch’essa a compensare le perdite derivate dalla crisi in Ucraina attraverso la crescita del turismo dell’«Italia per l’Italia».

Vamonos Vacanze (Vamonos-Vacanze.it), il tour operator italiano specializzato in vacanze di gruppo, che quest’estate ha triplicato le vendite, traccia un bilancio del turismo dalla Russia.

«Il settore dei viaggi —già fortemente compromesso da 2 anni di pandemia da Covid-19— subisce ora un altro duro colpo proprio a causa delle sanzioni europee comminate alla Russia per l’aggressione all’Ucraina» spiegano gli analisti della piattaforma.

advertisement

Secondo i dati raccolti da Vamonos-Vacanze.it, prima della crisi pandemica, nel 2019, il turismo russo generava in Italia 1,7 milioni di arrivi e 5,8 milioni di presenze, producendo un volume d’affari di 2,5 miliardi di euro.

Un danno notevole che colpisce prevalentemente gli alberghi a 5 stelle e l’indotto del luxury travel, soprattutto nelle località tanto amate dai russi come la Sardegna o come Forte dei Marmi, dove oggi —con molti meno russi— vi è chi ricorda l’era degli Agnelli, degli Orlando, dei Rizzoli. Mete che rimangono d’élite ma più sobrie.

Certo questa crisi non tocca operatori come Vamonos-Vacanze.it, che anzi quest’anno ha triplicato le vendite contribuendo a compensare —per località come le nostre Isole— la perdita russa.

«Ma è difficile fare paragoni, perché il fenomeno russo era ormai arrivato a 40 anni di maturazione, a partire dagli Anni Ottanta passando per i magnifici Anni Novanta. Proprio nel 1991, rispetto ai 5 anni precedenti, il turismo da parte di quella che allora era l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, si era quintuplicato, sfiorando l’1,3 milioni di presenze a pari merito con i giapponesi, che all’epoca erano i nostri più grandi fan» spiega Emma Lenoci, fondatrice di Vamonos-Vacanze.it.

E neanche le problematiche legate all’incipiente Perestroyka di Gorbaciov o al cambio molto sfavorevole del rublo di quel periodo riuscirono a revertire quella tendenza.

Un boom costante e progressivo che portò nel 1995 l’Ente Nazionale per il Turismo italiano (ENIT) ad aprire un ufficio proprio nella Capitale sovietica, andando a favorire ulteriormente il flusso crescente di turisti russi verso il nostro Paese.

Il salto più grosso lo si è però potuto registrare a partire dal 2003, quando Vladimir Putin fu ospite di Silvio Berlusconi nella stessa villa in cui l’anno precedente avevano trascorso qualche giorno in riva al mare le sue due figlie adolescenti: Maria e Iekaterina.

Ed in quello stesso anno —il 2003— sulle spiagge del Salento c’era stato anche l’ex premier sovietico Mikhail Gorbaciov.

Ma chi sono i turisti russi-tipo? Vamonos-Vacanze.it ne traccia un profilo a partire dall’Indagine sul Turismo Internazionale realizzata dalla Banca d’Italia nel 2014.

«Il russo-tipo è certamente un big spender, ma non dobbiamo pensare solo a magnati ed oligarchi: il turismo russo è fatto anche da persone medie con un altro tenore di vita che secondo quanto rilevò la Banca d’Italia spendevano mediamente nel nostro Paese ben 170 euro al giorno, il 65% in più rispetto alla spesa media degli altri turisti stranieri che soggiornavano in Italia» sintetizza Emma Lenoci.

Significativo è il fatto che dal 2009 al 2014 i pernottamenti di turisti russi in Italia sono passati da meno di 3 milioni e 600 mila ad 8 milioni e la spesa è salita da 623 milioni ad 1 miliardo e 328 milioni di euro, includendo sia i pacchetti deluxe per i Paperon de’ Paperoni che quelli per le altre fasce di ricchezza.

«Ora però —prosegue la fondatrice di Vamonos-Vacanze.it— tutto questo è compromesso». Il flusso di presenze e di denaro è infatti messo in mora dal conflitto Mosca-Kiev e dal fatto che per i russi è ogni volta oggettivamente più difficile arrivare in Italia.

Tornano al profilo di russo-tipo, scopriamo poi che del nostro Paese i russi amano l’arte, la moda, lo stile ed il cibo, ma anche i vini. A partire dal 2004 la Russia ha iniziato perfino ad ospitare un’edizione locale del Vinitaly, arrivando l’anno successivo ad avere una partecipazione record, con più di 100 aziende che hanno consentito di triplicare i numeri del 2003.

Nel 2015 fu poi Vladimir Putin —nel corso delle dichiarazioni finali con l’allora presidente del consiglio italiano Matteo Renzi— a snocciolare altri dati.

«I cittadini russi lasciano in Italia oltre un miliardo di euro l’anno e gli investimenti russi nel Belpaese sono di 3 miliardi di euro —a fronte di oltre 400 grandi aziende italiane operative in Russia— per oltre un miliardo di scambi commerciali» sottolineava Putin in quella circostanza.

«Ma se la prima crisi ucraina del 2014 non riuscì ad invertire la tendenza ed a frenare il boom dei turisti russi verso lo Stivale —che anzi aumentarono del 3%— rispetto al 2013, oggi le cose hanno preso proprio un’altra piega» concludono gli analisti di Vamonos-Vacanze.it.

Articolo precedenteCagliari Film Festival – VIII edizione
Articolo successivoMarmolada, riprese le ricerche dei dispersi. Atteso Draghi
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore e scrittore emergente. Ha studiato al Liceo Linguistico di La Maddalena, dove si è diplomato nel 2019. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online.