Parere dell’ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna

Parere dell'ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna - Arriva puntuale come un orologio, il parere dell'ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna, approvato nel mese scorso dal Comitato Faunistico Regionale, presieduto dall'Assessore regionale all' Ambiente.

Parere dell'ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna

Parere dell’ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna

Parere dell’ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna – Arriva puntuale come un orologio, il parere dell’ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna, approvato nel mese scorso dal Comitato Faunistico Regionale, presieduto dall’Assessore regionale all’ Ambiente.

Parere dell’ISPRA sul calendario venatorio della Sardegna – Parere che la Sardegna deve chiedere obbligatoriamente in base alla Legge nazionale sulla caccia la L. 157.

Il parere ISPRA , contenuto in ben 9 pagine è stato protocollato presso gli uffici della Regione Sardegna in data 26 Luglio 2022.

Parere ricco di osservazioni che richiamano la Regione Sardegna alla stretta osservanza e al rispetto dei regolamenti comunitari e della Legge Nazionale sulla caccia.

advertisement

Parere che chiede di anticipare la chiusura ad alcune specie migratorie, come il Tordo al 10 Gennaio e la chiusura della Beccaccia al 15 Gennaio.

ISPRA chiede inoltre che vengano rispettate le regole inserite nel 2021 dalla UE con la direttiva chiamata Key Concepts,  sul rispetto della selvaggina. Osservazioni anche per quanto riguarda il numero delle specie migratorie abbattibili, con richiesta di riduzione del numero stesso.

Per quanto concerne l’apertura della caccia, prevista dal calendario venatorio, recentemente approvato per la Sardegna dal CFR, viene richiesto di posticipare l’apertura della Quaglia al 1 Ottobre, rispetto al 18 Settembre oggi previsto, lasciando l’apertura al 18 Settembre solamente per Cornacchia, Ghiandaia e Tortora.

Osservazioni anche sul numero di abbattimenti per la tortora selvatica, che secondo ISPRA dovrà essere monitorata e dovrà essere attivato, da parte della regione, il censimento degli abbattimenti e comunicato all’ISPRA stessa.

Richiamo preciso anche all’attività di VIGILANZA VENATORIA, richiamando norme e accordi nazionali, per chiedere alla Regione Sardegna di intensificare azioni di contrasto agli illeciti contro uccelli selvatici, proponendo la data unica per la chiusura della caccia al 31 Gennaio, per meglio facilitare le azioni di controllo.

Salvo invece il calendario venatorio per la caccia al Cinghiale, dove in questo caso, vi è un forte richiamo da parte di ISPRA affinché la Regione Sardegna si attivi la caccia di selezione per tutto il territorio regionale.

“Un parere molto pesante, afferma Tore Piana, presidente del Centro Studi Agricoli, che pur non essendo vincolante, il TAR prende sempre come riferimento. Stiamo parlando di una vera e propria mezza bocciatura del calendario venatorio regionale, dove trovo alcune osservazioni quasi eccessive e inappropriate, come quella della Vigilanza Venatoria, dove il nostro Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale, delegato a questo compito, lo considero un vero e proprio fiore all’occhiello di professionalità e efficienza cui andare orgogliosi in Sardegna e che svolge il compito in modo ineccepibile, non accetto e respingo al mittente questa osservazione dell’ISPRA.

Continua Tore Piana. Serve un Ente Regionale come sempre promesso dalla politica regionale, che su questo argomento ha sempre sbandierato un provvedimento legislativo, ma mai fatto nulla di concreto.

Restiamo ora in attesa questa settimana della decisione da parte del Comitato Faunistico Regionale sull’approvazione del calendario venatorio su Pernice e Lepre, spero in una decisione sensata e a favore del mondo venatorio, che oggi è responsabile e ambientalista più di alcuni ambientalisti, conclude Tore Piana.

Articolo precedenteNato il più grande allevamento di lumache dell’Emilia Romagna
Articolo successivoDibattiti sul cibo e la musica di Raphael Gualazzi
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore, poeta e giornalista. Si è diplomato nel 2022 presso l'Accademia d'arte di Cagliari. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, nel quale è socio Senior, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online. Nell'Ottobre 2022 esce il suo terzo cortometraggio: "The Overseers". A Febbraio 2023 uscirà il suo prossimo libro: "Il multiverso negli occhi".