Ittiri Folk Festa: il Kenya alla 37^ edizione

Ittiri Folk Festa: il Kenya alla 37^ edizione che verrà presentata lunedì 18 luglio alle 10.30 in Camera di Commercio – Non solo danze e suoni ma anche cultura con Iter in cannetum.

Ittiri Folk Festa: il Kenya alla 37^ edizione

Ittiri Folk Festa: il Kenya alla 37^ edizione

Ittiri Folk Festa: il Kenya alla 37^ edizione che verrà presentata lunedì 18 luglio alle 10.30 in Camera di Commercio – Non solo danze e suoni ma anche cultura con Iter in cannetum.

Ittiri Folk Festa: il Kenya alla 37^ edizione – Da sempre l’Africa propone energia e ritmi trascinanti di tradizioni plurisecolari. Il Gruppo “Africa Tumbas” di Nairobi arriverà dal 22 al 24 luglio al festival internazionale, organizzato dall’associazione Ittiri Cannedu con l’amministrazione comunale.

Folto gruppo di ballerini , musicisti e acrobati, residenti a Nairobi, capitale del Kenya, comunemente conosciuta come la città nel sole, “Africa Tumbas” è composto da giovani e talentuosi artisti di entrambi i sessi ed è riconosciuto come uno dei migliori gruppi folcloristici del Kenya e di tutta l’Africa dell’Est.

In veste di ambasciatori della cultura, lo scopo del gruppo è di educare, preservare e ricordare la ricchezza del patrimonio nazionale keniano (che conta ben 42 tribù) attraverso la musica e la danza.

L’edizione numero 37 di Ittiri Folk Festa sarà presentata lunedì 18 luglio alle 10.30 nella Camera di Commercio del Nord Sardegna, visto che la manifestazione è stata inserita nel cartellone di Salude & Trigu.

advertisement

Il festival da subito è andato oltre i semplici spettacoli serali proponendo anche altri eventi, come la Gran Parata tra le vie del centro, la Messa dei Popoli, la rassegna itinerante di musica ed enogastronomia che favoriscono il reale scambio di culture e tradizioni tra i gruppi sardi e quelli italiani ed esteri.

La novità di quest’anno è “Iter in cannetum”: percorsi di storia, arte, natura e tradizioni che riempiranno le giornate in attesa delle esibizioni dei gruppi.

Ad esempio sabato 23 sarà possibile visitare la Pinneta Delogu dove sarà anche possibile ascoltare il Canto a Tenore del “Cunsonu Santu Juanne” di Thiesi, mentre “Boghes de Feminas a Bustaina” porta alla scoperta di un vecchio lavatoio portato a nuovo splendore, accompagnati da antichi canti ittiresi con la voce femminile di Monica Santoru e la chitarra di Tore Matzau.

Articolo precedenteSandro Catta rieletto presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari
Articolo successivoCybersecurity, Rapetto “I dati sono il nuovo petrolio”
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore e scrittore emergente. Ha studiato al Liceo Linguistico di La Maddalena, dove si è diplomato nel 2019. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online.