Pagare con la carta tutela le foreste

Pagare con la carta tutela le foreste - Se gli italiani utilizzassero la carta Flowe verrebbero piantati 497.838 alberi, per un risparmio annuale di circa 170 milioni di kg di CO2.

Pagare con la carta tutela le foreste

Pagare con la carta tutela le foreste

Pagare con la carta tutela le foreste – Se gli italiani utilizzassero la carta Flowe verrebbero piantati 497.838 alberi, per un risparmio annuale di circa 170 milioni di kg di CO2.

Pagare con la carta tutela le foreste – Il vademecum dell’agronomo spiega i benefici che le piante apportano all’intero pianeta.

Lo dice la scienza: per assorbire due terzi dell’anidride carbonica prodotta dall’uomo servirebbe la piantagione di 1.200 miliardi di alberi.[2] Un grande numero che può essere raggiunto soltanto attraverso l’impegno e la collaborazione di tutti, ognuno nel proprio piccolo.

Le possibilità per agire nel concreto sono svariate. Ad esempio, Flowe – B Corp che mira a educare i giovani sui temi dell’innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale – pone l’attenzione sulla campagna Freshback.

advertisement

Con la collaborazione di ZeroCO2 – startup italo-guatemalteca che sviluppa attività di riforestazione ad alto impatto sociale – Flowe pianterà un albero in Guatemala ogni 100 transazioni effettuate con carte di debito, restituendo così aria fresca al pianeta.

Un’azione che, potenzialmente, potrebbe aumentare gli effetti positivi sul pianeta: se la popolazione italiana facesse i propri acquisti utilizzando una carta Flowe verrebbero piantati 497.838 alberi, con un risparmio annuale di circa 170 milioni di kg di CO2[3].

“In Flowe crediamo fortemente nell’importanza dei piccoli gesti che, uniti, diventano rivoluzionari – ha commentato Ivan Mazzoleni, CEO Flowe – Per contribuire alla costruzione di un mondo più sostenibile dobbiamo scendere tutti in campo, facendo ognuno la propria parte. Ogni gesto, anche il più piccolo, ha un significato e un impatto. Proprio da questa convizione è nata l’idea della campagna Freshback”.

La recente campagna Freshback si aggiunge alle ulteriori iniziative messe in campo da Flowe in ottica sostenibilità, che hanno portato a risultati considerevoli: oltre 50.000 alberi piantati tra Italia e Guatemala, 4,4 milioni di kg di CO2 compensata, 128,80 MtCO2e potenziali risparmiati grazie all’architettura completamente cloud-based su cui si regge il servizio e che punta ad avere il 100% dell’energia rinnovabile entro il 2025.

La presenza degli alberi nel nostro ecosistema è vitale per la salvaguardia del pianeta: per spiegarlo, Flowe ha redatto insieme all’agronomo Guido Cencini (forestry strategist di ZeroCO2), un vademecum di approfondimento sui benefici che apportano a più livelli.

Gli alberi sono fabbriche di ossigeno
Lo abbiamo imparato sui banchi di scuola: durante la fotosintesi clorofilliana le piante assorbono molecole di anidride carbonica e acqua, trasformandole in molecole di ossigeno e glucosio. In questo modo, gli alberi compensano le nostre emissioni di CO2: un solo albero è in grado di immagazzinare circa 167 kg di anidride carbonica all’anno.

Condizionatori naturali all’aperto
Gli alberi sono alleati fondamentali per il cambiamento climatico e la riduzione della temperatura. In particolare, l’ombra prodotta e il processo di evapotraspirazione sviluppano ambienti più freschi. Traspirando, infatti, gli alberi emettono vapore acqueo dalla chioma, abbassando la temperatura delle foglie e dell’ambiente fino a 3,5°C.

La “casa” degli animali
Per preservare la biodiversità bisogna salvaguardare tutti gli ecosistemi, compreso quello vegetale.

È quindi fondamentale piantare gli alberi secondo tecniche e linee guida precise, mantenendo una sinergia con il territorio di riferimento e una costanza nella cura.

Così facendo, l’ecosistema diventa un ambiente florido e fornisce ospitalità, rifugio e nutrimento agli animali.

Protettori del suolo (e non solo)
Non tutti sanno che le radici degli alberi hanno una funzione nascosta fondamentale: incidono sull’abbassamento dei rischi idrogeologici. Rendendo più stabile il terreno, infatti, limitano l’erosione del suolo e il verificarsi di frane, oltre a ridurre le conseguenze delle alluvioni grazie ad una migliore capacità di assorbimento dell’acqua.

Aria più pulita
Le foglie, la corteccia e i rami delle piante si alleano per contrastare un fenomeno che incide sulla salute e sulla qualità della vita delle persone: l’inquinamento dell’aria. Infatti, sono in grado di trattenere polveri sottili e gas che involontariamente inaliamo – quali PM10, ozono, ossido di azoto e anidride solforosa – aumentando la qualità dell’aria che respiriamo.

“Non esiste una sola soluzione alla crisi climatica, tuttavia gli alberi sono la tecnologia più efficiente nel contrastare gli effetti del riscaldamento globale oltre ad essere uno strumento di sostenibilità su tutti i fronti (sociale, economico e ambientale) che tiene conto dei bisogni delle comunità esistenti, animali e vegetali, uomo compreso!” afferma Guido Cencini, forestry strategist di ZeroCO2.

Articolo precedenteEstay – Boom di prenotazioni
Articolo successivoAntonello Fiore – SIGEA
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore e scrittore emergente. Ha studiato al Liceo Linguistico di La Maddalena, dove si è diplomato nel 2019. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online.