Legger_ezza 2022: Promozione della Lettura, IV edizione slitta a data da definire

Legger_ezza 2022, Promozione della Lettura, IV edizione: slitta a data da definire la presentazione di “Giornata Avara” del musicista cagliaritano Michele Atzori
Legger_ezza 2022, Promozione della Lettura, IV edizione: slitta a data da definire la presentazione di “Giornata Avara” del musicista cagliaritano Michele Atzori

Slitta a data da definire la presentazione di “Giornata Avara” del musicista cagliaritano Michele Atzori in programma DOMANI (martedì 21 giugno) alle 18.30 nel Foyer del Teatro Massimo di Cagliari sotto le insegne del CeDAC Sardegna in collaborazione con la Libreria Edumondo nell’ambito di Legger_ezza 2022

CAMBIO DI PROGRAMMA – La presentazione di “Giornata Avara”, libro d’esordio del musicista Michele Atzori, meglio noto come Dr.Drer – in programma DOMANI (martedì 21 giugno) alle 18.30 nel Foyer del Teatro Massimo di Cagliari con la partecipazione di Giacomo Loi – slitta a data da definire: l’occasione per incontrare il poliedrico artista e operatore culturale, frontman dei CRC Posse sotto le insegne del CeDAC / Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna in collaborazione con la Libreria Edumondo, nell’ambito del progetto Legger_ezza 2022 / Promozione della Lettura, è però solo rimandata e la nuova data sarà comunicata quanto prima.

“Giornata Avara” è  una raccolta di racconti, in chiave squisitamente autobiografica, in cui Michele Atzori ripercorre alcuni dei momenti più significativi tra situazioni surreali e incontri indimenticabili, in un senso o nell’altro, come sfogliando l’album dei ricordi di una vita trascorsa sui palchi, ma anche negli uffici, tra set cinematografici e manifestazioni, spiagge e birrerie, tra atmosfere metropolitane  e feste paesane. Storia (movimentata) di un artista (e attivista) impegnato, autore di canzoni dai contenuti spesso sferzanti, narrata per frammenti, o flashback, non in sequenza cronologica ma lasciandosi guidare dall’ispirazione, quasi suonando “a sentimento”,  con liberi giochi di associazioni, per la sintesi di «un ventennio ed oltre di battaglie popolari contro l’occupazione militare, le ingiustizie sociali, manifestazioni e musica».

La forza espressiva e il potere emozionale dell’alchimia tra parole e note, per comunicare un’idea o una visione, dar forma all’indignazione, promuovere il cambiamento, perché la cultura è rivoluzione: la poetica dei Dr.Drer e CRC Posse, band di spicco del panorama isolano e tra le più anche posse italiane, in una fusione di hip hop e reggae con le sonorità tradizionali sarde, riflette ancora lo spirito originario, ardente e ribelle, di una generazione in lotta contro i soprusi e gli abusi, dalla parte dei più deboli in nome della giustizia e della libertà.

advertisement

Un affresco dell’Isola attraverso le memorie personali e gli aneddoti, la passione e lo sguardo lucido e disincantato di un artista costretto a fare i conti con la realtà e i paradossi del quotidiano, senza mai rinunciare a tentare di cambiare il mondo, di inventare un futuro migliore:  protagonista di “Giornata Avara”, è però soprattutto «lo sfondo sociale e culturale nel quale questi racconti vivono, la Sardegna di questi ultimi decenni». Una terra antica e bellissima, ma ricca di contraddizioni.

 

L’autore

Michele Atzori, noto anche come Dr.Drer, è lavoratore del terziario dal 1991 e musicista indipendente. Cagliaritano, classe 1967, vive tra Parigi e la Sardegna.  Da una decina di anni anche operatore culturale (laboratori linguistici, coordinatore di progetti), ma ai più è noto come frontman della band sarda CRC Posse, della quale è anche autore dei testi. Ha all’attivo sei cd, parecchi singoli e mezzo migliaio di concerti tra l’Isola e il vecchio continente.

Operatore della lingua sarda, Giornata Avara è la sua prima pubblicazione cartacea.

Nel 2019 ha ricoperto un ruolo di attore protagonista nel film “L’Agnello”, di Mario Piredda.

 

 

I PROSSIMI APPUNTAMENTI

L’estate letteraria al Teatro Massimo firmata CeDAC e Edumondo si apre giovedì 23 alle 18.30 con Alessandro Marongiu che presenta “Il giudizio universale” (il suo corso di critica letteraria),  mentre il 1 e 2 luglio sempre nel Foyer spazio alla poesia.

 

 

INGRESSO GRATUITO  –  fino a esaurimento posti