La sfida personale di due Oristanesi alla Traversata a nuoto dello stretto di Messina

 

Una sfida mentale e fisica quella che si terrà a Luglio, nella traversata a nuoto di 3,5 km dello stretto di Messina, nella quale parteciperanno un gruppo ristretto di persone selezionate. Dalla Sardegna saranno presenti anche i due Oristanesi Simona Sedda e Javier Ghiani, non nuovi a imprese particolari, dato che l’estate scorsa si erano cimentati con successo nella camminata sui carboni ardenti.

Questa volta la sfida è diversa, scoprendo paure diverse da quelle del fuoco, come quella dell’acqua alta, la paura di quel mare profondo, ignoto, scuro, immenso, che solo immaginare un’impresa del genere, mette ansia.

advertisement

Una preparazione mentale e fisica in cui la gestione delle emozioni e l’atteggiamento con cui si vive la sfida fa la differenza; infatti si tratta di un’esperienza formativa ad alta intensità quella che i due Oristanesi, oltretutto non atleti di questa disciplina, stanno affrontando, anzi Simona galleggiava a malapena e aveva paura dell’acqua alta, mentre Javier si stancava dopo poche bracciate.

La preparazione mentale e fisica, che affrontano da ormai 4 mesi per  4 volte a settimana, nuotando per 2 km nelle coste oristanesi, permetteranno loro di affrontare con la dovuta preparazione la loro personale sfida, di cui lo stretto di Messina è uno dei pezzi del puzzle.

Simona Maestra di Danze Orientali e Javier insegnante di Percussioni, entrambi Mental Coach, oltre ai percorsi di Danza Orientale e Musica, svolgono all’interno della loro sede Shams Academy percorsi di crescita personale sia dal vivo che online, grazie ai quali molte persone stanno ottenendo risultati importanti nella loro vita e loro stessi si sottopongono periodicamente a sfide personali, con sempre maggiore motivazione, per crescere sempre di più.