Da un torrente di Piacenza spunta una pistola

Da un torrente di Piacenza spunta una pistola

Un celebre tiktoker cremonese, con la tecnica della pesca magnetica, trova una Beretta 34 in un rivolo d’acqua sotto il Ponte Pezzino (nel comune di Villanova sull’Arda).

Spunta una pistola: ai Ris di Parma il compito di tracciare la storia dell’arma. Un singolare ritrovamento è stato effettuato lo scorso 6 giugno sul Ponte Pezzino (nel comune di Villanova sull’Arda), una struttura ormai inagibile costruita nel 1912 nel cuore della bassa piacentina.

Nel torrente di campagna che scorre sotto il vecchio ponte diroccato d’inizio novecento, un celebre tiktoker cremonese appassionato di metal-detecting – Marcello Bonatti di Metal Discovery – con la tecnica della pesca magnetica ha rinvenuto una pistola.

Il giovane stava effettuando delle ricerche per conto dell’azienda Detector Shop di Cesenatico quando, dopo diverse ore di ricerche – tra vecchi cardini, barattoli di latta, monetine e chiodi arrugginiti – si è accorto che attaccata al magnete c’era una vecchia Beretta 34, fabbricata nel 1940, con impresso il numero romano XVIII che, nel linguaggio balistico dell’epoca, significava 18° anno dalla nascita del fascismo.

advertisement

Si tratta di un’arma risalente alla seconda guerra mondiale in dotazione all’Esercito Italiano, anche se – fino agli ’80 – quella pistola è stata l’arma di servizio dei Carabinieri.

La Beretta è stata consegnata regolarmente, il giorno stesso del rinvenimento, al Comando della Stazione Carabinieri di Villanova sull’Arda (Pc) e, ripulita dalla ruggine, è stato possibile risalire al numero di matricola.

Secondo le prime verifiche dai terminali, l’arma risulterebbe “pulita”, ovvero non legata ad alcun evento criminoso. In ogni caso, come impongono i protocolli di giustizia, la Berretta sarà spedita per tutti gli accertamenti balistici ai Ris di Parma che dovranno esaminare la “rigatura” della canna per verificare che non sia legata a dei reati specifici.

In base alle prime supposizioni, la pistola – priva di caricatore – potrebbe essere stata ereditata da qualche piacentino che, per non incorrere nel reato di detenzione illegale di arma da fuoco, se ne sarebbe liberato gettandola nel torrente. Secondo le prime analisi, la Beretta si trovava immersa in quel rivolo d’acqua da non più di dieci anni.

La pesca magnetica è un hobby eccitante ed economico che unisce caccia al tesoro ed ambientalismo.

Si tratta, a tutti gli effetti, di una variante del metal detector perché l’obiettivo, alla fine, è quello di trovare oggetti di metallo in laghi, fiumi e crepacci usando potenti magneti. Basta legare una corda con un’elevata forza di trazione ad un potente magnete e lanciarla nell’acqua. E’ una disciplina che richiede tantissima pazienza ma, quando si mulina la fune, legato a quel moschettone puoi aspettarti di tutto.