Barbariciridicoli: la seconda edizione teatrale di Sennariolo

Barbariciridicoli

Barbariciridicoli: la seconda edizione teatrale di Sennariolo

Diverse compagnie teatrali dal 19 giugno a Sennariolo per una variegata offerta all’interno di una estate fatta di cultura e vera ripartenza.

E’ la formula proposta dalla Compagnia Teatrale dei Barbariciridicoli in collaborazione con l’amministrazione comunale di Sennariolo.

Una rassegna teatrale, Sennariolo Teatro, alla seconda edizione, inserita quest’anno all’interno di un festival regionale: Sardigna Teatro Festival. Quest’ultimo riunifica sotto un’unica offerta le rassegne organizzate a Ottana, Austis e Alà dei Sardi per un totale di 24 spettacoli.

Quattro piccoli paesi per riportare la cultura e i momenti di svago “al centro”.

 
In particolare la rassegna di Sennariolo arriva con l’obiettivo di “creare momenti significativi di incontro sociale, di svago e di crescita culturale per i cittadini di Sennariolo – spiega il direttore artistico del Festival Tino Belloni – e contemporaneamente attirare un pubblico territoriale ampio”.

Diverse quindi le compagnie sarde che a Sennariolo presenteranno in totale sei spettacoli di carattere vario, ma prevalentemente comico e popolare, da rivolgere, con ingresso gratuito, a un pubblico indifferenziato di adulti, giovani, bambini e anziani.   

Si inizia sabato, 19 giugno prossimo con la Compagnia Intrepidi Monelli che proporrà lo spettacolo: Ridi che ti passa. “Una carrellata di sketch e di personaggi “al limite”, per il one woman show di una delle più valide interpreti del teatro comico sardo – spiega ancora Belloni –  l’attrice Marta Proietti Orzella, che, con la complicità ironica del chitarrista Luca Pauselli, propone il suo distillato sense of humor, con canzoni e  parodie. Uno spettacolo all’insegna del buonumore e del divertimento”.

E si prosegue il primo luglio con Nicola Cancedda e il suo esilarante Si sardi chi può.

advertisement

Dopo tutti gli spettacoli sarà proposto un momento di confronto con “Gli artisti si raccontano”. Un incontro degli artisti con il pubblico (mediato dal direttore artistico Tino Belloni), che, oltre a far conoscere gli artisti dietro la maschera, avrà l’obiettivo di educare il pubblico teatrale, al fine di formare gli spettatori alla comprensione dei linguaggi e delle tecniche teatrali e di socializzare le esperienze, suscitando un eventuale dibattito e un proficuo confronto.

La manifestazione è possibile grazie ai contributi dell’Assessorato alla Cultura della Regione Sardegna e della Fondazione di Sardegna, e soprattutto grazie alla collaborazione e al contributo economico del Comune di Sennariolo.