Gli studenti del Liceo Azuni “Ciceroni” a “Monumenti Aperti”

Sabato 21 e domenica 22 maggio 2021

Gli studenti del Liceo Azuni

Saranno più di novanta gli studenti del Liceo Azuni di Sassari che parteciperanno alla manifestazione “Monumenti Aperti” in programma in città sabato 21 e domenica 22 maggio.

Dopo il successo ottenuto nel guidare i visitatori nel complesso benedettino di San Pietro di Sorres in occasione della “Giornata FAI di Primavera”, con il coordinamento della professoressa Ida Colagrossi, gli studenti azuniani faranno stavolta da “ciceroni” nella chiesa di San Giacomo, sabato 21 maggio dalle 17 alle 21 e domenica 22 maggio dalle 10 alle 21, e nella chiesa di Santa Caterina, sempre sabato 21 maggio dalle 17 alle 21 e domenica 22 maggio dalle 14.15 alle 21.

A guidare il pubblico tra le bellezze di due veri e propri gioielli architettonici ed artistici del centro storico saranno allievi provenienti dalle classi terze e quarte del liceo classico, che sono stati preparati per l’evento dalle professoresse Ida Colagrossi e Rossana Mundula, docenti formatrici e assistenti nei due siti in cui gli studenti faranno da guide.

Gli studenti del Liceo Azuni

advertisement

Gli studenti del Liceo Azuni

Il percorso formativo degli alunni ha compreso una prima fase teorica per acquisire e gestire le informazioni storiche ed artistiche sui due edifici, completata poi da una seconda fase pratica con l’esperienza in loco attraverso alcuni sopralluoghi a San Giacomo e a Santa Caterina per consolidare le conoscenze apprese e simulare l’attività di visita guidata.

“Al di là del ruolo da protagonisti come guide – spiegano le professoresse Colagrossi e Mundula – gli studenti sono stati coinvolti in un lavoro di riappropriazione delle loro radici culturali e si sono confrontati con l’importanza della tutela e salvaguardia di un patrimonio identitario che deve essere preservato per le generazioni future e, allo stesso tempo, valorizzato e proposto al pubblico”.

È in questa ottica che gli alunni del Liceo Azuni guideranno i visitatori dando voce a ogni pietra, alle sculture e ai dipinti delle chiese di San Giacomo e Santa Caterina, mostrando come all’interno dei due edifici si respiri ancora una cultura storica viva e di grande valore artistico.

 

Articolo precedenteIl Re Tarantola torna con “Aiutiamoli a casa loro comprando le loro lauree”
Articolo successivoCamera Commericio di Olbia: presentato ai partner il progetto Community welfare@Olbia
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore e scrittore emergente. Ha studiato al Liceo Linguistico di La Maddalena, dove si è diplomato nel 2019. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online.