Avvio di “Giugnoslow 2022: i semi del futuro”

Avvio di

Avvio di “Giugnoslow 2022: i semi del futuro” – Isola di La Maddalena

Avvio di “Giugnoslow 2022: i semi del futuro”:

Anche per il 2022 si conferma l’appuntamento della rassegna esclusiva di Giugno slow che, in una delle vetrine più suggestive della Sardegna, l’Isola di La Maddalena,  porta all’attenzione del grande pubblico e degli operatori del settore, i temi dell’identità, dell’eccellenza e della sostenibilità.

L’evento, promosso dal Comune di La Maddalena, da Slow Food e dall’ Istituto Internazionale di Studi Giuseppe Garibaldi, avrà inizio il 2 giugno e si concluderà il 4 luglio.

advertisement

Come consuetudine, punto di partenza e di ispirazione di Giugno Slow saranno le testimonianze e le azioni del più illustre abitante dell’Arcipelago, Giuseppe Garibaldi. Giugno Slow 2022, infatti, sarà caratterizzato dal claim “i semi del futuro” che vuole essere un omaggio all’approccio orientato all’investimento sulla cultura e le giovani generazione che caratterizzò Garibaldi quale uomo politico.

Egli, infatti, mostrò una ferrea propensione a utilizzare la cultura come scudo, ancor più efficace della spada, per creare le condizioni di libertà.

Fu nella sua reggenza siciliana infatti che diffuse le scuole e l’obbligatorietà della frequenza e liberò l’agricoltura dai retaggi del latifondo incoraggiando la creazione di istituti di formazione professionale.

Giugno Slow 2022, in armonia con questa suggestione, sarà dedicato al tema della visione futura, alle nuove generazioni, alla riscoperta della terra quale fonte di sviluppo, ad un approccio culturale, di studio e di innovazione che, partendo dal rispetto della propria storia e del proprio territorio, vuole dare una risposta alle sfide incombenti e contingenti.

Dal 2 al 4 giugno, ad apertura della manifestazione, si partirà con “Casa Slow Food Sardegna”, presso l’atrio del Comune di La Maddalena, dove attraverso una selezione di eccellenze della produzione agricola ed enogastronomica regionali, si offriranno percorsi volti a raccontare le storie di agricoltori, con particolare riferimento a giovani uomini e donne, che si rendono protagonisti di una nuova e silenziosa rivoluzione.

Anche per la terza edizione si confermano i due contest Food for Change:

A tavola con Garibaldi”, dedicato ai ristoranti e “Un Brindisi per Garibaldi”, dedicato ai bar.

Questo appuntamento rappresenta il filo rosso che connetterà tutte le iniziative del mese e vedrà, dal 10 giugno sfidarsi gioiosamente i protagonisti di una sfida all’ultimo ingrediente.

L’adesione dei partecipanti aperta da oggi fino al 24 maggio, la definizione dei menù e dei cocktail entro il 30 maggio.

Tutti gli operatori interessati ad aderire ai contest potranno scrivere alla mail giugnoslowlamaddalena@gmail.com , seguire le indicazioni sui canali social dell’Evento o accedendo al sito www.giugnoslow.it alla sezione dedicata al Contest 2022.

I contest, come da tradizione, si svolgeranno in due fasi:

la gara vera e proprio partirà dal 10 giugno e, fino al 25 giugno, vedrà come giudici indiscussi gli avventori che esprimeranno il loro voto tramite il portale www.giugnoslow.it.

La seconda fase del contest sarà affidata alla giuria di qualità che proclamerà, il 4 luglio, i vincitori tra le proposte migliori dei ristoranti e dei bar di questa edizione 2022.

Coerentemente a questo obiettivo, quest’anno, grazie anche al coinvolgimento diretto dell’Amministrazione Comunale, l’organizzazione dell’evento sarà condotta con la partecipazione diretta e attiva di un team di GIOVANI MADDALENINI che Slow Food affiancherà cercando di trasmettere elementi, esperienze e mezzi affinché il progetto diventi un patrimonio condiviso e sul quale la comunità locale possa investire. Ma non solo, l’organizzazione si avvarrà anche della rete dei giovani della FASI (federazione delle associazioni sarde in Italia) che rinnova la collaborazione con Giugno Slow anche per questa edizione, e la rete giovani di Slow Food Sardegna (Slow Food Youth Network).

Una vera esperienza immersa e coinvolgente che porterà i giovani a parlare tra loro, confrontando esperienze di vita ed imprenditoriali, basate sulla valorizzazione della propria terra e del patrimonio enogastronomico.