ASL prime risposte sulla specialistica

ASL prime risposte sulla specialistica

Cannas: “Ecco, Distretto per Distretto, le ore finora attribuite o in procinto di attribuzione”.

Nuovi specialisti per i distretti in arrivo anche nel Nuorese. L’ASL n. 3, ha provveduto ad assegnare, tra dicembre 2021 e gennaio 2022, ore di specialistica ambulatoriale per le varie branche: da oculistica, a cardiologia, da neurologia, a dermatologia, passando per ginecologia, diabetologia ecc.

Nel frattempo è stata già inoltrata l’autorizzazione per poter procedere all’attribuzione di ulteriori ore, secondo la procedura della mobilità interaziendale e completamento orario, preliminare alla pubblicazione dei turni vacanti per il secondo trimestre 2022, da distribuire nei quattro Distretti Socio Sanitari, secondo le esigenze degli assistiti e le disponibilità degli specialisti. Anche in questo caso si tratta di un monte-ore importante, che contribuirà senz’altro a dare un po’ di ristoro alla medicina specialistica territoriale, obiettivamente in affanno, come nel resto d’Italia, a causa dei due anni di pandemia da Covid-19.

«La pandemia – dichiara il Direttore Generale dell’ASL n. 3, Paolo Cannas – ha accentuato le disuguaglianze e creato nuovi disagi; ha prodotto un disequilibrio dovuto alla centralizzazione delle politiche sanitarie per l’emergenza e ha messo in evidenza la necessità di avvicinare la sanità ai cittadini, potenziando i servizi di prossimità e la domiciliarità. Occorre ora riconfermare i principi di fondo: l’universalità e la gratuità della sanità pubblica per garantire un’assistenza sanitaria di alta qualità puntando su innovazione e sviluppo delle reti ospedaliera e territoriale che devono essere in stretta relazione tra loro».

advertisement

Il Direttore Generale dell’ASL n. 3 ha sottolineato che «il Covid ci ha insegnato che il sistema per funzionare bene deve avere due polmoni, l’ospedale e il territorio: solo avvicinando l’assistenza ai cittadini fragili, ai cronici, grazie al contributo di diverse figure professionali accanto ai professionisti ospedalieri e ai medici di medicina generale, anche tramite l’utilizzo delle nuove tecnologie, potremo evitare il ricorso a ricoveri non necessari, ridurre gli accessi impropri ai pronto soccorso e migliorare la risposta complessiva ai bisogni di salute».

Link: https://www.aslnuoro.it/