Scuola Napoli con Vienna Cammarota

Vienna Cammarota

Scuola Napoli

Abbracciare gli alberi, poi piccoli paleontologi ed archeologi a Napoli con Vienna Cammarota!

Daniela Irollo ( Direttrice dell’Istituto Comprensivo “Carafa – Salvemini” di Napoli) :

“Il nostro Istituto ha aderito alla Rete Nazionale di Scuole all’aperto.

advertisement

Da allora ci siamo formati per mettere in pratica i principi didattici dell’outdoor education”.

Domani, con Vienna Cammarota, Ambasciatrice di Archeoclub D’Italia e Guida Ambientale Escursionistica di Assoguide, gli alunni della nostra scuola vivranno una grande emozione, all’aria aperta.

Con le tecniche e polveri naturali degli uomini primitivi creeranno la Grotta delle mani scoperta in Patagonia;

poi realizzeranno un labirinto colorato percorrendo un cammino che sarà fatto di incontri e lungo il quale scopriranno fossili ma attenzione anche reperti rupestri.

Il tutto avverrà nel polmone verde della nostra scuola non distante dal Bosco di Capodimonte!”

Vienna Cammarota (Ambasciatrice di Archeoclub D’Italia nel Mondo): “Domani inizierò a parlare ai ragazzi abbracciando gli alberi!”

Appuntamento alle ore 11 DOMANI – MARTEDI’ 13 APRILE  – aperto alla stampa – presso l’Istituto Comprensivo 42° Carafa Salvemini di Napoli in Via Marfella 6/E – Napoli!

E per Vienna si stanno mobilitando le scuole, in particolare a Napoli, dove l’Ambasciatrice di Archeoclub D’Italia ed il Presidente Nazionale, Rosario Santanastasio, parleranno ai ragazzi del patrimonio culturale con lezioni innovative all’aria aperta, nel cuore del patrimonio ambientale di Napoli!

Il 19 Aprile – ore 12 – Real Yacht Club Canottieri Savoia di Napoli – conferenza stampa di presentazione per la prima volta di tutto il cammino che Vienna Cammarota, anni 72, farà dal Lazzaretto Nuovo di Venezia a Pechino, a piedi in 4 anni!

 

Nel link video  – https://wetransfer.com/downloads/10b228ebf3eb6ed5fea303fd03f1a1ee20220412140735/ae3cee57779eafc2137c5c11d6bcf4a320220412140849/4e5ae4

 

“In piena pandemia, il nostro Istituto ha aderito alla Rete Nazionale di Scuole all’aperto.

Da allora ci siamo formati per mettere in pratica i principi didattici dell’outdoor education”.

Domani, MARTEDI’ 13 APRILE:

con Vienna Cammarota, Ambasciatrice di Archeoclub D’Italia e Guida Ambientale Escursionistica di Assoguide, gli alunni della nostra scuola vivranno una grande emozione, all’aria aperta.

Infatti si divideranno in gruppi e metteranno in pratica i principi della didattica all’aperto.

Gli alunni della scuola dell’infanzia, ad esempio, svolgeranno un percorso all’interno di un labirinto colorato realizzato con cartoni, scatole e materiali trovati in giardino.

Gli alunni della primaria, classi terze e quarte, realizzeranno sul posto esempi di graffiti rupestri e riprodurranno la Grotta delle mani ritrovata in Patagonia, utilizzando le stesse tecniche usate dagli uomini primitivi.

Dunque saranno domani, all’aria aperta dei piccoli archeologi ma anche piccoli paleontologi.

A scuola stiamo affrontando il tema dell’arte nel Paleolitico e dunque gli alunni, domani dinanzi a Vienna, realizzeranno esempi di graffiti rupestri, dando vita ad un laboratorio sulla pittura rupestre.

Poi con le tecniche e polveri naturali degli uomini primitivi creeranno la Grotta delle mani scoperta in Patagonia.

Il labirinto invece sarà un labirinto colorato, all’aria aperta e ad ogni colore corrisponderà qualcosa.

Allo stesso tempo daremo la possibilità ai bambini di riciclare.

Avremo ad esempio un bruco fatto di ruote, cunicoli realizzati con i cartoni o con il materiale trovato in giardino.

Ma domani, con Vienna Cammarota, Ambasciatrice di Archeoclub D’Italia, i ragazzi, giocheranno con la Paleontologia e daranno vita alla Giornata Olimpica del Lancio del Vortex.

Avere Vienna qui con i nostri studenti sarà il completamento di un percorso innovativo che abbiamo intrapreso come istituzione scolastica.

Lei è per noi la testimonianza di come la vita sia un viaggio continuo alla ricerca della natura e della vera essenza dell’uomo”.

Lo ha affermato Daniela Irollo, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo 42° Carafa Salvemini di Napoli.

E domani, MARTEDI’ 13 APRILE, alle ore 11, didattica innovativa:

parteciperà Vienna Cammarota, Ambasciatrice di Archeoclub D’Italia, anni 72, che sarà la prima donna al mondo a percorrere la Via della Seta in epoca contemporanea.

Vienna partirà il 26 Aprile da un luogo fortemente simbolico ed interessante: il Lazzaretto Nuovo di Venezia.

I dettagli del cammino e dell’intero progetto di narrazione del territorio saranno illustrati per la prima volta alla stampa in una specifica conferenza stampa voluta da Archeoclub D’ITALIA:

in programma il 19 Aprile, alle ore 12 a Napoli presso la sala conferenze del Real Yacht Club Canottieri Savoia.

Abbracciare gli alberi del proprio giardino, ammirare e raccontare i beni culturali che sono a pochi metri da casa!

“Io ai ragazzi domani racconterò e mostrerò il valore terapeutico dell’abbracciare gli alberi che sono vicino casa.

Oppure le piante del proprio giardino, anche di casa.

Ma dirò di quanto possa essere importante per la loro mente, la loro creatività, osservare e descrivere attraverso le arti visive e della scrittura.

Ad esempio in molti dei nostri paesi abbiamo le masserie  –

ha dichiarato Vienna Cammarota, Ambasciatrice di Archeoclub D’Italia e Guida Ambientale Escursionistica di ASSOGUIDE

e all’interno di queste masserie ci sono edifici del ‘700.

Ecco usciamo qualche ora dalle nostre case e usiamo gli smartphone ma per fotografare quanto di storico e di bello abbiamo.

Poi se abbiamo vissuto un’emozione potremmo scrivere e guardare le foto da noi scattate, magari condividerle.

In questo modo andiamo a creare e ad incentivare una rete della creatività iniziando dalla conoscenza del Patrimonio Culturale sotto casa.

Domani con i ragazzi di questa scuola inizierò a parlare loro abbracciando gli alberi!”.

Il Patrimonio Culturale di prossimità c’è ! Bisogna solo conoscerlo!

E domani è atteso anche l’intervento di Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub D’Italia.

Incontrerebbe i giovani parlando  loro del Patrimonio Culturale che abbiamo a pochi metri da una scuola o dalle nostre case!