Reddito di cittadinanza dietro false dichiarazioni per una 36enne rom

Ieri a San Sperate i carabinieri hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per indebita percezione del reddito di cittadinanza una 36enne di origine Rom, disoccupata con diverse precedenti denunce a carico.

I militari hanno ricostruito come la donna al fine di ottenere il beneficio avesse fornito false dichiarazioni all’atto della presentazione della domanda in Comune e come avesse nel tempo continuato a percepire gli assegni mensili, fino agli accertamenti a posteriori svolti dai carabinieri.

Sarà ora ben difficile per l’erario essere risarcito di quanto indebitamente percepito dalla donna che non possiede nulla che possa essere pignorato e che quei soldi li ha ampiamente esauriti.