Primavera a Teatro: al Cine Teatro Astra i paradossi de “Il Giudice”

CineTeatro Astra. Si alza il sipario sul primo appuntamento di  “Primavera a Teatro” . La Compagnia Teatro Sassari porterà in scena  “Il Giudice”  di Mario Lubino la scenografia dello spettacolo è realizzata da Igino Panzino.

Si alternano momenti di comicità e di tensione drammatica nella commedia “Il Giudice” in scena in prima assoluta nazionale al Cine Teatro Astra di Sassari venerdì 1° aprile e in replica sabato 2 e domenica 3 aprile. Alla nuova produzione della compagnia Teatro Sassari scritta e diretta da Mario Lubino è affidata l’apertura della stagione “Primavera a Teatro” che proseguirà sino a giugno.

Sul palco le vicende di Antonio Usai interpretato da Lubino che assiste casualmente a un omicidio per poi diventare il principale sospettato. Così pur dichiarandosi innocente, viene arrestato. A incriminarlo formalmente un giovane giudice (interpretato da Alberto Lubino) che non torna sui suoi passi neppure dopo la confessione del vero assassino.

Dato che ormai tutti i mass media danno per scontato che il colpevole sia in carcere, il sostituto procuratore teme che l’ammissione dell’errore giudiziario possa nuocere alla sua carriera e tenta dunque di convincere Antonio Usai a dichiararsi colpevole, promettendo in cambio a lui e alla moglie (Alessandra Spiga) un ottimo impiego e una casa in comodato d’uso. La propensione della donna a cedere all’offerta scatena l’ira del marito che tenta di ucciderla durante un colloquio.

advertisement

Il paradosso drammaturgico

La commedia in due atti si basa su un paradosso drammaturgico che pone l’accento sull’eterna contrapposizione tra l’oggettività della legge e gli errori legati alla fragilità e “corruttibilità” umana nell’amministrazione della giustizia. “Il tema trattato è molto serio – dice Mario Lubino – con implicazioni filosofico – sociologiche, ma l’atmosfera surreale e grottesca tiene sempre il filo del racconto sui toni della commedia”. La soggettività dei singoli personaggi costituisce nella storia il vero impedimento alla realizzazione di un’utopia: una giustizia davvero giusta.

La scenografia dello spettacolo è stata realizzata dall’artista sassarese Igino Panzino che nell’arco della sua lunga e fortunata carriera è alla seconda esperienza in questo campo. “Realizzai una scenografia verso la metà degli anni settanta per un’operetta portata in scena dalla cooperativa Teatro e/o Musica diretta all’epoca da Giampiero Cubeddu.

Fu un’esperienza divertente io facevo parte della cooperativa e probabilmente avrei proseguito con altre esperienze di scenografia ma poi andai ad insegnare nella penisola e questa opportunità si interruppe. Che dire è passato davvero tanto tempo questa nuova esperienza è quindi molto stimolante per me nel realizzarla ho voluto assecondare l’aspetto surreale della commedia “Il Giudice” collegandomi ad un mio progetto di qualche tempo fa “Teatrini”.

Gli altri protagonisti sono Michelangelo Ghisu nei panni dell’agente, Pasquale Poddighe che interpreta Francesco Sanna e Paolo Colorito nel ruolo di Santoni. 

Il disegno luci è curato da Tony Grandi e l’allestimento scenico da Tomaso Tanda

INFO

Orari spettacoli

Venerdì 1 e Sabato 2    ore 21

Domenica 3                   ore 19

Tariffe

Biglietto intero                       euro 12,00

Ridotto (under 12 e over 65) euro 10,00

Prevendita presso gli uffici del CineTeatro Astra dal lunedì al venerdì, dalle 11.30 alle 13.30 e chiamando il numero 3491926011

      Per l’accesso in Teatro è necessario il super green-pass e la mascherina FFP2