Monserrato – 67enne deferito per diffamazione

Monserrato - 67enne deferito per diffamazione

Monserrato – 67enne deferito per diffamazione

È dal 2014 che la storia si ripete, una famiglia di Monserrato si ritrova nella cassetta delle lettere e sparse nei dintorni di casa, sotto i tergicristalli delle autovetture proprie, dei vicini e un po’ dappertutto dei foglietti strappati da agendine, contenenti epiteti diffamatori nei confronti delle donne della famiglia ma anche degli uomini, secondo gli schemi che possiamo immaginare, nonché minacce di morte. Si può immaginare l’imbarazzo delle vittime nei confronti dei vicini e lo stato di tensione che una tale situazione genera. Se si tratta di goliardia è sicuramente di cattivo gusto.

A periodi queste clandestine e sgradevoli manifestazioni del pensiero cessavano, per poi riprendere dopo qualche tempo in maniera imprevedibile con altrettanta virulenza. Per anni le vittime non avevano denunciato. Alla fine però si erano risolte a farlo perché quelle aggressioni alla loro serenità non accennavano a cessare. Dopo la querela contro ignoti sottoscritta dagli interessati che non erano in grado di poter indicare chi potesse coltivare tanta acrimonia nei loro confronti, i carabinieri del luogo ci si sono messi con santa pazienza e puntiglio, con servizi di osservazione svolti anche in una in orario notturno con uso di binocoli agli infrarossi.

La perseveranza è stata alla fine premiata in quanto i militari hanno finalmente colto il circospetto dissacratore mentre abbandonava sulla pubblica via dei manoscritti contenenti frasi minacciose e diffamatorie dello stesso tenore di quelle che erano state diffuse in passato. La successiva perquisizione domiciliare nell’abitazione di quell’uomo ha permesso inoltre di sottoporre a sequestro agendine ed altri manoscritti, riconducibili alla condotta criminosa che egli pone in essere da tanti anni, tale da configurare altresì il delitto di atti persecutori, lo stalking. Si tratta di un pensionato 67enne che non sembra aver avuto in passato dei problemi con la famiglia perseguitata. Si è trattato di una semplice antipatia davvero incomprensibile. Almeno così dice lui. È stato deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per diffamazione, minaccia, atti persecutori e disturbo alla persona.

advertisement
Articolo precedenteVenerdì esce il secondo episodio della collana di remix curati da Above the Tree che coinvolge gli artisti de “Le Marche a fuoco”
Articolo successivoCodici: una nuova class action contro Costa depositata in Tribunale, dopo la Victoria è l’ora della Pacifica
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore e scrittore emergente. Ha studiato al Liceo Linguistico di La Maddalena, dove si è diplomato nel 2019. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online.