Festival Echi lontani, sabato a Cagliari arriva lo Sféra Ensemble per una serata che esplora la vita dei grandi musicisti passando per la loro morte

Festival Echi lontani, sabato a Cagliari arriva lo Sféra Ensemble per una serata che esplora la vita dei grandi musicisti passando per la loro morte

Festival Echi lontani, sabato a Cagliari arriva lo Sféra Ensemble per una serata che esplora la vita dei grandi musicisti passando per la loro morte

Sabato 2 aprile a Cagliari il festival Echi lontani ospita per la prima volta lo Sféra Ensemble, formazione composta da quattro giovani flautiste originarie della Germania, Repubblica Ceca, Austria e Taiwan che proporrà un concerto dal titolo Motus profundus. Tra epitaffi, improvvisazioni e suoni armonici del secolo XV musiche da codici del XV secolo.

L’appuntamento è alle 20,30 nella Chiesa di Santa Maria del Monte per una serata particolarissima che celebra la vita attraverso l’accettazione della morte. Scrive il direttore artistico di Echi lontani, Dario Luisi, nelle note di presentazione della serata: “Nel XV secolo la vita musicale in Italia fu incredibilmente fiorente. Dei musicisti e compositori più famosi d’Europa che lavorarono nelle cappelle e alle corti più famose rimangono oggi non sono solo le loro lapidi ma anche molta della loro musica conservata nei manoscritti soprattutto modenesi: musica profana, mottetti e messe. Lo studio di questi manoscritti ci consente di trattarli non solo come semplici reperti del passato, ma come strumento per far rivivere il patrimonio musicale che ci è stato donato. Trasformando la morte di una persona in musica non si esprime solo dolore ma si riflette l’impatto e la fama che questi artisti hanno avuto durante la loro vita. L’Ensemble Sféra, esplorando questo patrimonio inestimabile ci offre una grande opportunità per onorare questi maestri del passato ben oltre il loro impatto storico”.

Sféra ensemble. Composto dalle flautiste Laura Dümpelmann, Laura Hanetseder, Tzu-Chi Kuo e Zuzana Gulová lo Sféra ensemble lavora concentrandosi sul repertorio del 15° e 16° secolo, tenendo presente che la maggior parte di questa musica è stata eseguita per varie occasioni come incontri sociali secolari e sacri che ora sono importanti quanto allora. Questo motiva il gruppo a suonare nei bar, nei caffè e nelle chiese, nei treni e nella natura. L’ensemble ricerca attivamente la propria sfera, condividendo idee estetiche, screenshot di manoscritti, background culturali.

Biglietti: intero 7 euro, ridotto (diversamente abili, studenti, under 14 e over 65) 5 euro.

advertisement

Per assistere ai concerti è consigliato prenotare chiamando al numero 347 4384788 o scrivendo a biglietteria@echilontani.org.

Informazioni: www.echilontani.org; Fb: Echi lontani- Cagliari; Instagram: Echi lontani.

Echi lontani è realizzato con il contributo di: Regione autonoma della Sardegna, Comune di Cagliari, Fondazione di Sardegna.

In collaborazione con: Fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto”, Ordine dei cavalieri di Malta.

Con il patrocinio della Città metropolitana di Cagliari e del Conservatorio “G. P. da Palestrina”.

Articolo precedenteE’ sardo il miglior sarto d’Italia – Il cagliaritano Gianfranco Orrù conquista l’Oscar della sartoria italiana
Articolo successivoLibano: il Comandante di UNIFIL in visita al Settore Ovest
Michael Bonannini (La Maddalena, 8 Agosto 2000), è un regista, sceneggiatore, poeta e giornalista. Si è diplomato nel 2022 presso l'Accademia d'arte di Cagliari. Nell'estate del 2018 ha frequentato il workshop "Plus Movie And Communication Course", presso la CSUN di Los Angeles, dove ha studiato storia del cinema e copywriting. Tra il 2019 e il 2020 ha frequentato la "Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi", (Associazione Script&Film), dove ha appreso le tecniche dello story-telling e della sceneggiatura cinetelevisiva. Il suo primo lavoro è del 2019, quando ha prodotto, scritto, diretto e interpretato il suo primo cortometraggio: "Arrivederci Casa", disponibile su YouTube. Durante l'estate 2020 ha prodotto, scritto e diretto il suo secondo cortometraggio: "Il Ragazzo Che Collezionava L'Uomo Ragno", anch'esso disponibile su YouTube. Il corto è stato proiettato fuori concorso al Premio Solinas 2020. Nell'Ottobre del 2020 si è trasferito a Cagliari per frequentare l' "Accademia D'Arte di Cagliari", nella triennale di Scrittura Creativa e Editoria, dove si è formato come scrittore, editor, correttore di bozze, blogger, poeta e giornalista. E' iscritto regolarmente alla Creative Writers Italia, nel quale è socio Senior, con riconoscimento MISE. Il suo primo libro, "Spento: Parole di un cuore spezzato" è in tutte le Librerie e Store Online. Nell'Ottobre 2022 esce il suo terzo cortometraggio: "The Overseers". A Febbraio 2023 uscirà il suo prossimo libro: "Il multiverso negli occhi".