“Agnese e l’altra”, lo spettacolo tratto da “La Madre” di Deledda a Bocheteatro

Agnese e l’altra, spettacolo teatrale liberamente tratto dal romanzo La madre di Grazia Deledda, di Giovanni Carroni.
Giovedì 24 e venerdì 25 Marzo alle ore 20:30, in anteprima presso Bocheteatro in Via Trieste n. 48 a Nuoro
In Prima Nazionale il 29 Marzo Teatro Blu di Milano h.20:30, e il 31 Marzo alle h.21 Teatro Arcobaleno di Roma.
con Monica Corimbi, Andrea Carroni, Noemi Medas, Regia, luci e scene di Giovanni Carroni.

 

Con il sostegno di:
Provincia di Nuoro, nell’ambito del progetto ” Grazia Deledda 150°, donna dei nostri tempi”- Direzione Artistica: Anthony  Muroni
Assessorato alla P.I. della Regione Sardegna
In collaborazione con Centro Sociale Culturale Sardo di Milano e dell’Associazione dei Sardi “Il Gremio” di Roma

 

advertisement

NOTE DI REGIA

 

Il tema del romanzo LA MADRE di Grazia Deledda, dal quale è tratto il l’adattamento drammaturgico di “Agnese e l’altra”, è un tema attualissimo, molto delicato, che tocca uno dei problemi da sempre discussi all’interno e fuori della chiesa: il celibato dei preti.
È solo di alcuni anni fa (19/05/2014) la lettera inviata a Papa Bergoglio firmata da 26 donne italiane, che chiedono di rivedere la legge sul celibato dei sacerdoti. Le firmatarie si definiscono solo una parte delle tante donne che vivono nel silenzio una relazione proibita con un sacerdote.
La Deledda anticipa di quasi 60 anni il romanzo “Uccelli di rovo” di Colleen McCulloug del 1977, che diventerà in seguito una mini serie TV. Narra dell’amore proibito e impossibile di Don Paolo ed Agnese, sacerdote ventottenne lui e giovanissima vedova lei. Tra i due, la madre di Paolo, Maria Maddalena, rimasta troppo presto vedova, che veglia incessantemente sul figlio, indirizzato dalla madre forzatamente al sacerdozio. Madre che incombe e sovrasta e che col suo amore soffoca i desideri del figlio.
Paolo ha paura di ferire e deludere la Madre, e la sua relazione con Agnese sarà nel continuo nascondimento, con la frustrazione di un amore non completo che non può esistere alla luce del sole e tanto meno può sperare in una paternità.
Agnese,  si rivela donna matura e determinata, non vuole assolutamente rinunciare a questo amore, e sfida con forza sia la madre di Paolo, sia la mentalità chiusa dell’intera comunità, poiché un amore così forte “si può radicare comunque nel nome del Signore”.
Una continua lacerazione dell’anima che vede Paulo in un continuo allontanamento e avvicinamento ad Agnese, come dominato dal vento, protagonista sonoro della vicenda, che lo “spinge e respinge” verso la sua amata.
Paolo sa, più della madre, che in questo paesino sperduto dell’interno della Sardegna, un amore clandestino tra lui ed Agnese, sarebbe segnato a dito dalla comunità e destinato alla condanna pubblica se rivelato.
In realtà la Deledda tocca un tema ancora più profondo ed urgente: prima che amare un prete si ama una persona. Questo amore dunque va oltre la tonaca che Don Paolo veste nelle sue funzioni, e Agnese  lo mette di fronte alle sue responsabilità , lo esorta a superare le sue paure, conseguenza di schemi infantili costruiti da un’educazione materna troppo possessiva, per liberare e sentire le emozioni e cominciare a conoscere sé stesso e fare infine una scelta coraggiosa, che non sia il frutto della paura di una condanna della comunità e di sua madre.
Ancora una volta dunque, come nella maggior parte delle opere della scrittrice nuorese, una donna protagonista. Donne speciali che rivelano, in modo insospettabile, una Grazia Deledda femminista ante litteram.
Il libero adattamento curato da Giovanni Carroni e le soluzioni sceniche rendono ancor più attuale il romanzo della Deledda, con una messa in scena che predilige, oltre il dialogico, forme ed espressività corporee intense, le sonorità e le percezioni visive ispirate alla nostra isola.
Giovanni Carroni

INFO

 

Costo Ingresso: Biglietto Intero € 10 / Biglietto Ridotto € 7
Puoi acquistare i biglietti anche presso Agenzia CTS a Nuoro c/o Exme in Piazza Mameli n. 1 – telefono: 0784 32490

Gli spettacoli si terranno presso lo Spazio/Teatro di Bocheteatro sito in via Trieste n. 48 a Nuoro.
Si prega di arriva a teatro in anticipo sull’orario di inizio spettacolo per permettere un regolare accesso in sala e rispettare la massima puntualità.
Ad inizio spettacolo non sarà possibile accedere in sala.
per informazioni:
Associazione Culturale Bocheteatro – telefono 0784.203060 / 338.7529106
Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 9:30 alle ore 13
Apertura botteghino: il pomeriggio dello spettacolo alle ore 16:00