Super Green Pass: le regole che cambiano da lunedì

Super Green Pass

Il certificato verde prende due forme. Per vaccinati e guariti c’è il Super Green Pass, per chi ha scelto di non vaccinarsi resta il vecchio documento che si ottiene con il tampone negativo, antigenico valido 48 ore o molecolare che ne vale 72.

Il primo ha «più potere» del secondo. Con il modello base, già in zona bianca, si può andare al lavoro e diventa necessario averlo per salire sui mezzi di trasporto compresi i mezzi pubblici locali, finora esclusi, e andare in albergo. Si può andare in piscina e palestra, entrare negli spogliatoi, prendere gli impianti sciistici.

 

Per quasi tutto il resto serve il Super Green Pass che ha una validità di 9 mesi dall’ultima somministrazione o dal certificato di guarigione. Non serve scaricarlo nuovamente, per chi è vaccinato o guarito, il codice si aggiorna automaticamente. È l’app Verifica C19 a riconoscerne la validità.

Con questo certificato rafforzato si va al ristorante al chiuso, al cinema, a teatro, allo stadio e in discoteca.

Con il cambio di zona chi ha il Super Green Pass può muoversi e fare più attività rispetto a chi non lo ha. Solo in zona rossa i divieti valgono anche per chi ha la certificazione rafforzata. Per ora tutte le regioni italiane sono in zona bianca a esclusione di Friuli-Venezia Giulia e Alto Adige.

advertisement

Super Green Pass

Salvatore Battaglia, Presidente Accademia delle Prefi