Giappone, torna la pena di morte: eseguite tre condanne capitali…

Torna la pena di morte

Giappone, torna la pena di morte: eseguite tre condanne capitali…

 

Giappone, torna la pena di morte: sono state eseguite tre condanne capitali a carico di altrettanti criminali con sentenze per omicidi plurimi.

Dopo ben tre anni di stasi in Giappone torna ad essere applicata la pena di morte: i media svelano che nel paese sono state eseguite tre condanne capitali ed è arrivata anche la conferma del governo. Il Giappone è una delle poche nazioni “progredite” che non ha ancora ben compreso la differenza fra progresso e civiltà e che perciò ha ancora in vigore la pena capitale come atto estremo.

advertisement

Chi sono i tre condannati dopo che in Giappone è tornata la pena di morte

Sono tre le persone condannate alla pena di morte. La conferma è arrivata dal ministero della Giustizia del Giappone: “Tre condannati a morte sono stati giustiziati oggi”. Si tratta di un uomo Yasutaka Fujishiro di 65 anni condannato per aver commesso l’omicidio di sette membri della sua famiglia per mano di un martello e di un coltello, e di due uomini di 54 e 44 anni, Tomoaki Takanezawa e Mitsunori Onogawa, accusati di duplice omicidio nel 2003 nei confronti di due addetti di una sala giochi. Le ultime esecuzioni risalivano al dicembre 2019.

Il Giappone ha indici di criminalità bassissimi, eppure il consenso popolare alla pena di morte è molto vasto. Ed è previsto un trattamento crudele per i condannati: tenuti a lungo in isolamento, vengono informati della loro uccisione appena un’ora prima dell’arrivo del boia.

Come osserva Amnesty international, mentre il resto del mondo progressivamente volta le spalle alla pena capitale (sempre più nazioni la stanno abolendo, lo scorso febbraio il Colorado è stato il 22° Stato Usa a cancellarla dal suo sistema), il Giappone si muove in controtendenza e resta ancorato al passato e alla tradizione.

    Salvatore Battaglia

Presidente Accademia delle Prefi