Codici, in Tribunale per dare voce ai consumatori

Codici: in Tribunale per dare voce ai consumatori, U-Mask non silenzierà la nostra azione collettiva

La vicenda U-Mask torna in Tribunale. È fissata, infatti, per domani a Milano l’udienza relativa all’azione legale avviata dall’azienda per far rimuovere o cancellare dal sito internet dell’associazione Codici gli interventi fatti sull’efficacia di alcuni modelli delle mascherine, che, vale la pena ricordarlo, sono valse due multe da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

“L’azienda ha chiesto al Tribunale di far tacere la nostra associazione per l’azione collettiva che è stata avviata per tutelare i consumatori – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici –, ma è chiaro che non solo non ci facciamo intimidire, ma andiamo anche avanti con la nostra iniziativa.

La vicenda è seria, ci sono stati degli interventi da parte del Ministero della Salute, c’è stato un procedimento istruttorio condotto dall’Antitrust che ha portato a due sanzioni per un totale di 450mila euro nei confronti delle società U-Earth Biotech Ltd e Pure Air Zone Italy Srl per aver promosso su internet le versioni Model 2, Model 2.1 e Model 2.2, registrate come dispositivi medici, equiparandole indebitamente a mascherine di efficacia protettiva superiore, come i dispositivi di protezione individuale di classe FFP3.

advertisement

Gli sono state attribuite anche qualità ulteriori, ad esempio proprietà virucide e una durata di 200 ore, certificate sulla base di test svolti in autonomia. Fino a fine febbraio 2021 le condizioni generali di contratto, inoltre, erano disponibili solo in lingua inglese e veniva vantata un’inesistente approvazione della mascherina da Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità.

Rilievi gravissimi, perché di mezzo c’è la salute, parliamo di consumatori che hanno acquistato quei prodotti per proteggersi dal Covid, tra l’altro in un momento estremamente delicato dell’emergenza sanitaria, quando la paura del contagio era altissima. Abbiamo avviato un’azione per tutelare queste persone ed andremo fino in fondo”.

L’azione collettiva avviata da Codici sulle mascherine U-Mask, dunque, prosegue, ed è ancora possibile aderire. I consumatori possono richiedere l’assistenza dell’associazione telefonando al numero 06.55.71.996 oppure scrivendo all’indirizzo e-mail segreteria.sportello@codici.org.