Tore Piana e Filippo Rossi: anche in Sardegna parte il progetto della buona destra

buona destra
Tore Piana

Ci sono tutte le condizioni per creare un’area moderata e liberale. Siamo presenti in tutta italia. Con Energie per l’Italia, da Cagliari parte la Buona Destra in Sardegna

Governo Solinas? Insufficiente –

Parte da Cagliari il nuovo progetto politico della Buona Destra che scaturisce dal presupposto che anche in Sardegna come in Italia l’area moderata e liberale deve tornare protagonista.

advertisement

Il nuovo progetto politico è stato presentato in una conferenza stampa: “In Sardegna – ha spiegato il referente regionale della Buona Destra e coordinatore di Energie per l’Italia Tore Piana – esistono le condizioni ottimali affinché il progetto di una destra finalmente liberale ed europea riesca a costruire la propria casa solida in modo dare un’offerta seria e di buona politica. Il governo Solinas ha dimostrato che vincere alle elezioni non basta ma che poi bisogna saper governare”.

“Il nostro progetto politico – ha osservato il presidente nazionale dell’Associazione Energie per l’Italia ed esponente della Buona Destra Italia Maurizio Petrò – ha l’obiettivo principale di rigenerare una classe dirigente in nome del merito e della qualità. Lo stiamo facendo in tutta Italia, da oggi grazie a Tore Piana iniziamo anche in tutta la Sardegna”.

“E’ arrivata il tempo di agire per chi crede che all’Italia e alla Sardegna serva una forte area di destra liberale competitiva e concorrente alla destra sovranista”, ha detto il leader nazionale della Buona Destra, Filippo Rossi che ha concluso: “Il risultato delle amministrative e il dibattito interno a Forza Italia dimostrano che oggi gli italiani moderati di buona volontà hanno il dovere civico di impegnarsi nella costruzione di delle spazio politico in cui sentirsi a casa senza inutili compromessi con la destra populista”

“Faccio appello a tutti i sardi – ha concluso Tore Piana – che sognano un’Italia e una Sardegna più ricche, più aperte e più europee affinché ci diano una mano per diffondere su tutto il territorio questo nuovo progetto politico nazionale”.