Presidenti dei Consigli d’Istituto: “Segnalazioni su inefficienza trasporti”

“Pervengono a questo Coordinamento Regionale dei Presidenti di Consiglio di Circolo e d’Istituto della Regione Sardegna, con cadenza costante sin dal 14 settembre 2021, numerose segnalazioni da parte di studenti, genitori e personale scolastico di tutto il territorio isolano in merito al trasporto pubblico.

Tali segnalazioni si riferiscono principalmente a studentesse e studenti che non riescono ad accedere ai mezzi, corse soppresse senza preavviso, automezzi in servizio extraurbano con passeggeri che sono costretti a viaggiare in piedi.

Troppo spesso, infatti, vengono privati del diritto costituzionale allo studio e alla mobilità, tra l’altro in una regione in cui il tasso di dispersione scolastica continua a registrare valori importanti.

Dopo oltre un mese dall’inizio dell’anno scolastico, non si può continuare a parlare di “studio e rodaggio”. Il servizio di trasporto deve essere considerato “a regime”.

advertisement

Gli enti/amministrazioni/società di TPL, conoscono perfettamente il numero della clientela che fruisce del servizio, nonché le fasce orarie in cui offrire le prestazioni. La problematica, quotidianamente e inesorabilmente,  sta assumendo carattere emergenziale, anche sotto il profilo dell’ordine pubblico.

Tanto si partecipa:

·         Alle società di trasporto pubblico locale ed extraurbano, affinché vogliano prenderne carico, confrontarlo con le notizie in loro possesso, per valutare un rafforzamento del servizio di trasporto scolastico, mirato alle esigenze contingenti, anche attraverso una rimodulazione oraria delle tratte interessate, per l’ottimizzazione dell’attività;

·         All’Assessore ai trasporti della Regione Autonoma della Sardegna, affinché possa recuperare ulteriori fondi da assegnare per rafforzare il servizio di trasporto scolastico, sostenendo i costi degli Enti Locali;

·         Agli ill.mi Prefetti, in qualità di incaricati del tavolo di coordinamento scuola/trasporti e responsabili-garanti dell’ordine e della sicurezza pubblica in ambito territoriale, affinché valutino gli eventuali interventi di competenza.

Questo Coordinamento, sempre disponibile a collaborare propositivamente, auspica che vengano istituiti ulteriori tavoli di lavoro -ai sensi del DPCM del 3 dicembre 2020- prevedendo la partecipazione dei soggetti quotidianamente utilizzatori del servizio (dirigenti scolastici, consulte degli studenti, comitati dei genitori) finora esclusi -seppure parte fondamentale nonché economicamente imprescindibili- affinché si possa ottenere il giusto equilibrio tra il servizio di pubblica necessità e le esigenze di formazione delle studentesse e degli studenti dell’intera Regione Sardegna”.