OIPA: Emilia Romagna trovi alternative per contenimento daini

DAINI. L’OIPA HA PRESENTATO UNA MANIFESTAZIONE D’INTERESSE ALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER SALVARE ALCUNI ESEMPLARI

 

L’associazione invita la Regione Emilia Romagna ad adottare metodi incruenti per il contenimento degli esemplari “in sovrannumero” e misure di prevenzione che consentirebbero ai daini, tanto amati dai cittadini, di vivere serenamente nel loro habitat.

advertisement

L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) La sezione Oipa di Ferrara, in attesa del bando per l’affidamento di alcuni esemplari di daino, ha inviato stamani alla Regione una manifestazione d’interesse per il loro trasferimento nei terreni che un privato ha messo a disposizione per ospitare a vita gli animali.

La Regione Emilia Romagna ha deciso di catturare i daini del Lido di Classe (Ravenna), già minacciati dalle doppiette diversi anni fa, e del Lido di Volano, sul litorale comacchiese, in provincia di Ferrara, per mandarli nelle aziende faunistiche venatorie, dove saranno cacciati, o nelle aziende alimentari, dove saranno macellati.

A oggi la Regione non ha cambiato idea, nonostante le numerose proteste di cittadini e associazioni. E così l’Oipa rilancia la sua iniziativa popolare per invitare la Regione guidata da Stefano Bonaccini ad adottare metodi incruenti per il contenimento degli esemplari “in sovrannumero” e misure di prevenzione che consentirebbero ai daini, tanto amati dai cittadini, di vivere serenamente nel loro habitat.

Con il Piano regionale per il controllo delle popolazioni di daino (Dama dama) di Lido di Classe e Lido di Volano approvato con la delibera della Giunta regionale n. 140/2021, la Regione Emilia Romagna intende catturare e trasferire in territori faunistico-venatori i poveri animali, destinati quindi a finire nel mirino dei cacciatori.

«Dopo la reintroduzione, si vuole ora limitare numericamente la presenza dei daini con interventi di cattura e allontanamento», spiega Massimo Comparotto, presidente dell’Oipa. «Per la Regione Emilia Romagna la popolazione degli ungulati va catturata e trasferita poiché rappresenterebbe un pericolo per la sicurezza stradale: un’affermazione basata su un censimento discutibile, visto che l’ultimo risale all’aprile del 2019. La stessa Ispra, inoltre, aveva prescritto la necessità di procedere a più monitoraggi per una stima effettiva degli esemplari presenti in un determinato territorio. Per di più, i progetti di controllo sperimentale sulla fertilità continuano a rimanere solo sulla carta».

La giustificazione addotta dalla Regione per autorizzare il prelievo e il trasferimento degli esemplari è quella di garantire la sicurezza stradale e proteggere gli agricoltori dai danni causati dagli ungulati. Tuttavia, come evidenzia l’Ispra, non solo la Regione non ha mai provveduto a mettere in atto i metodi ecologici previsti dalla legge n. 157/1992, come l’installazione di cartelli stradali segnaletici, di dispositivi di dissuasione quali i sensori luminosi e i dissuasori acustici e adeguate recinzioni nei punti ad alta percorrenza, ma cade anche in contraddizione quando afferma di non avere investito nei fondi europei per allestire “attraversamenti verdi” per la fauna selvatica in quanto gli incidenti stradali causati da animali in transito sarebbero esigui. Inoltre, per i danni alle colture, la Regione già provvede erogando indennizzi e fondi per la prevenzione degli stessi.

«E allora perché, ci chiediamo, autorizzare questa operazione di cattura e trasferimento in luoghi dove saranno oggetto delle battute dei cacciatori?», prosegue Comparotto.

«Durante gli interventi di prelievo, certamente molto più costosi per le casse pubbliche rispetto all’utilizzo dei metodi ecologici, molti daini catturati con telenarcosi moriranno e quelli che arriveranno vivi nei distretti territoriali, individuati nel piano faunistico venatorio, saranno poi destinati a essere uccisi, macellati dopo essere stati consegnati ad allevamenti da carne o, nella migliore delle ipotesi, confinati all’interno di recinti privati come esemplari ornamentali».

Per l’Oipa quello della Regione Emilia Romagna è un Piano macchiato con il sangue della popolazione dei daini e per questo invita a firmare e diffondere una petizione che è possibile firmare online andando a questo link.