OIPA: beagle per test in vivo a Verona. Associazioni chiedono al comune l’accesso agli atti

Sul caso dei venti beagle consegnati all'impresa Aptuit di Verona destinati a subire esperimenti in vivo, le associazioni animaliste vogliono chiarezza. Per questo Enpa, Lav, Leidaa, Lndc e Oipa hanno presentato al Comune scaligero un'istanza di accesso civico agli atti per sapere quale sia stata l'attività di autorizzazione, concessione e controllo svolta dall'amministrazione sull'impiego degli animali.

Botticelle
Oipa sulle dimissioni del presidente del parco Circeo

Sul caso dei venti beagle consegnati all’impresa Aptuit di Verona destinati a subire esperimenti in vivo, le associazioni animaliste vogliono chiarezza. Per questo Enpa, Lav, Leidaa, Lndc e Oipa hanno presentato al Comune scaligero un’istanza di accesso civico agli atti per sapere quale sia stata l’attività di autorizzazione, concessione e controllo svolta dall’amministrazione sull’impiego degli animali.

In particolare, le associazioni chiedono documentazione sulla provenienza dei cani, se arrivino da un allevamento autorizzato alla produzione di animali per la sperimentazione, le singole cartelle di ogni beagle con il relativo microchip, l’autorizzazione a effettuare test con i cani e la relazione sulle motivazioni del loro utilizzo, l’autorizzazione dello stabulario e infine se sia stato disposto un controllo sanitario per valutare le condizioni di detenzione degli animali.

In premessa, le associazioni richiamano le disposizioni del decreto legislativo n. 26 del 4 marzo 2014, che disciplina la sperimentazione animale nel nostro Paese, l’articolo 18 bis del regolamento per la tutela del benessere animale del Comune di Verona, che “incoraggia attività di liberazione e reinserimento degli animali utilizzati o destinati ad essere utilizzati in procedure di sperimentazione”,  e il concetto-base di animali come esseri senzienti sul quale poggia la giurisprudenza in materia di tutela.

advertisement

«Sono troppi i silenzi e le zone d’ombra che circondano questa vicenda», dichiarano le associazioni. «La sperimentazione animale, che noi fermamente condanniamo, pone problemi etici che interrogano, o dovrebbero interrogare, tutti. E sull’avvio degli esperimenti la trasparenza è d’obbligo».

Le associazioni ricordano, infine, che l’Europarlamento ha appena approvato una risoluzione che chiede un piano d’azione per il superamento della sperimentazione animale e l’implementazione di metodi alternativi.