Il punto di Roberto Napoletano. Ci sono gli uomini per un Paese nuovo

l'anima nazionale
Roberto Napoletano.

Il punto di Roberto Napoletano. Ci sono gli uomini per un Paese nuovo

Ci vuole chi rappresenti l’anima nazionale e si assuma il compito di essere l’incarnazione della nazione 
 
L’Italia ha bisogno di un presidente con una personalità che sia garante della Costituzione e della tenuta del sistema non per tornare a quello che eravamo prima del Covid, il grande malato d’Europa, ma per diventare un Paese normale che trattiene in casa il suo capitale giovanile di talento, riunisce le due Italie e ritrova rango e ruolo di Fondatore in Europa.
Ha bisogno di assicurarsi una guida lunga all’altezza e di non bruciare la carta estrema Draghi. Se lo ricordino tutti ora, non domani, perché sarebbe troppo tardi
 
di Roberto Napoletano, Direttore del Quotidiano del Sud – l’Altravoce dell’Italia
In termini costituzionali il presidente del consiglio italiano ha una legittimazione parlamentare-partitica che può essere ritirata in qualsiasi momento. La legittimazione del Presidente della Repubblica è di fatto “transpolitica” nonostante l’origine parlamentare.
Non può essere ritirata a cuor leggero perché nessuno dei partiti può dire chiedendone conto “non lo ho votato” e poi chi non lo ha votato probabilmente in quel Parlamento nemmeno ci sarà più. Il dibattito politico europeo e i fatti determinati dal nuovo ’29 mondiale ci dicono che il secolo delle ideologie è alle nostre spalle e che lo spirito del secolo attuale è quello delle competenze che vengono prima delle ideologie.
Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui: