I giovani arcieri sardi centrano il bersaglio

La bella gioventù sa come centrare il bersaglio

La forza propulsiva vivaistica incanta e inorgoglisce. I settori giovanili arcieristici isolani offrono uno spaccato di quanto buttarsi a capofitto su qualcosa che piace alla fine produce effetti che lasciano il segno. Nessuno ricorda numerosi adolescenti e soprattutto tante donne sarde guadagnare risultati prestigiosi a livello nazionale ed internazionale in un breve lasso di tempo.

Se poi ci si sofferma sul podio dell’arco nudo femminile con l’oro di Eleonora Meloni (Arcieri Uras), l’argento di Maria Francesca Razzato (Arcieri Galluresi Telti) e il bronzo di Carlotta Cosso (Arcieri Torres Sassari), capaci di monopolizzare i Campionati Italiani 3D under 20, nessuno, tra i tiratori più anziani, riesce a rivangare un’impresa di tali proporzioni.

Nel corso del Memorial Marco Capelli tenutosi al Lago Laceno (Campania) Eleonora, già campionessa italiana di Arco Nudo Junior 2021, ha confermato di essere in forma strepitosa. Qualche settimana prima, ha bissato il titolo di campionessa europea juniores a Parenzo (Croazia) nella specialità Tiro di Campagna hunter&field (a cui vanno aggiunti un altro oro nel mixed team e un argento a squadre).

advertisement

E poi ha annusato intensamente l’aria della nazionale assoluta, quando è stata convocata agli Europei Senior 3D a Maribor (Slovenia) che ha chiuso con un soddisfacente settimo posto.

Il club degli Arcieri Torres Sassari ritorna dalla Campania mostrando il bottino più sostanzioso: oltre al secondo posto di Carlotta si aggiunge l’oro a squadre femminile under 20 con Martina Del Duca, Greta Budroni e Ilaria Solinas. Anche nel caso di Martina da Sanluri è doverso aprire un breve inciso: come Eleonora, ha trascorso un’estate ricca di soddisfazioni.

A luglio il titolo di vicecampionessa d’Italia nel tiro di campagna e successivamente due esperienze internazionali con la maglia azzurra, dove assieme alle sue compagne del compound cadet femminile, coglie la medaglia di Bronzo ai campionati Mondiali giovanili di Wroclaw (Polonia).

Ha fatto di meglio a Bucarest guadagnandosi la piazza d’onore nella gara di Coppa Europa giovanile riservata all’arco compound allievi.

Ma ritornando nella frazione di Bagnoli Irpino (Avellino) ci sono da evidenziare belle imprese di altri suoi compagni di scuderia: nel longbow si fanno valere Greta Budroni con un secondo oro e Fabio Figus che si colora d’argento. Largo pure ai bronzi: Carlotta Cosso nell’arco nudo e ancora Martina del Duca nel compound.

La lista dei podi tricolori si chiude con il bronzo del bonorvese Flavio Cau (Arcieri Mejlogu) nel longbow under 20.

Insomma il movimento arcieristico sardo si gode questo momento memorabile ma senza perdere il filo dell’impegno. E sotto questo punto di vista è noto che il consiglio della FITARCO Sardegna presieduto da Giuseppe Spanu ha in serbo nuove strategie per fare attecchire l’interesse di arco e frecce tra i più giovani.

Tutti i risultati su questo link: https://www.ianseo.net/Details.php?toId=9282