Codici: dopo Dazn, problemi anche per Infinity+ con la Champions League

Il tanto decantato calcio in streaming si sta rivelando un incubo per i consumatori, costretti a guardare, si fa per dire, le partite della propria squadra del cuore tra improvvisi blackout, segnale scadente e messaggi di errore.

Dopo Dazn, ora è la volta di Mediaset Infinity+, che ha avuto problemi nella giornata di ieri, tanto attesa per via dell’esordio della Champions League. I disservizi hanno riguardato le partite Malmo-Juventus, con i disagi compensati dal fatto che la gara era trasmessa in chiaro su Canale 5, e Villareal-Atalanta, che aveva invece come alternativa un’altra tv in abbonamento, Sky.

Basta scuse, rimborso immediato

e interventi urgenti per migliorare il servizio

“Le scuse di Mediaset non ci interessano – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – e nemmeno le spiegazioni tecniche, perché non è possibile che gli appassionati di calcio debbano trasformarsi in esperti informatici per capire come riuscire a vedere una partita in santa pace, senza interruzioni di segnale. Questa volta, tanto per cambiare, il problema non è stato causato dall’azienda principale e sarebbe dovuto ad un sovraccarico della rete provocato dall’elevato numero di connessioni. Alle scuse, è seguito l’annuncio di Mediaset del prolungamento di 15 giorni della scadenza del mese di fatturazione di Infinity+. L’azienda non pensi di cavarsela così, dando le briciole agli abbonati. Gli utenti hanno il diritto di usufruire di un servizio, non di un disservizio che li pianta a metà partita, senza soluzioni alternative. Stiamo raccogliendo le segnalazioni dei consumatori, come per Dazn e con lo stesso obiettivo: il rimborso, serio, per i disagi. E continueremo a vigilare, considerando che questa sera su Infinity+ andrà in onda una partita attesissima dai tifosi, il ritorno in Champions League del Milan, tra l’altro in uno stadio iconico come l’Anfield di Liverpool”.

Gli abbonati di Infinity+ alle prese con disservizi nella visione delle partite possono rivolgersi all’associazione Codici, facendo una segnalazione al numero 06.55.71.996 oppure all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org.