Ciclismo: torna il Giro di Sicilia

Partirà da Avola e al via ci sarà anche lo “squalo dello stretto” Vincenzo Nibali. Tappa anche a Ragusa

 

Il Giro di Sicilia partirà da Avola farà una tappa anche a Ragusa. E per questo, la regione ha stanziato complessivamente sei milioni di euro per gli interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria della viabilità secondaria di otto province siciliane.

La manifestazione si svolgerà dal 28 settembre al primo ottobre. E al via ci sarà anche lo “Squalo dello Stretto” Vincenzo Nibali. Mancano 20 giorni – start previsto il 28 settembre, arrivo a Mascali il 1° ottobre – alla nuova edizione del giro che si preannuncia spettacolare e che vedrà la partecipazione di nomi importanti nel panorama ciclistico internazionale. Venti le formazioni di 7 corridori ciascuna: 5 UCI WorldTeams, 8 UCI ProTeams e 7 UCI Continental Teams per una manifestazione tra le più antiche e gloriose corse a tappe italiane.

advertisement

La prima edizione si svolse nel 1907, due anni prima della nascita del Giro d’Italia. Dal 1907 al 1977 si sono svolte 18 edizioni del Giro di Sicilia a tappe, tutte vinte da atleti italiani. Il primo vincitore fu Carlo Galetti, che fece suoi i Giri d’Italia del 1910 e 1911. L’ultimo vincitore Beppe Saronni, diciannovenne, nel 1977 prima della vittoria a stelle e strisce dell’americano Brandon McNulty nel 2019. Lo scorso anno la pandemia ha fermato il giro che adesso riparte ancora una volta grazie all’intesa tra la Regione Siciliana e Rcs Sport.

Oltre a Nibali con la Trek Segafredo, anche Chris Froome con la Israel: due dei sette ciclisti ad aver vinto i 3 grandi giri. E quindi il 28 settembre via da Avola a Licata passando per Ragusa, seconda tappa da Selinunte a Mondello, terza frazione Termini-Caronia e ultima da Sant’Agata di Militello a Mascali.

Salvatore Battaglia
Presidente Accademia delle Prefi