“The Man of Trees” di Tore Manca sul palco di Ploaghe

A Ploaghe la proiezione del progetto cinematografico e ambientale

the Man of Trees

liberamente ispirato alla favola ecologica “L’uomo che piantava gli alberi” di Jean Giorno

 

Mercoledì 25 agosto, “The Man of Trees”, sarà proiettato a Ploaghe, uno dei comuni patrocinanti il suggestivo e originale progetto cinematografico e ambientale indipendente, scritto e diretto dal regista sassarese Tore Manca per la produzione mater-ia liberamente ispirata al racconto di Jean Giorno “L’uomo che piantava gli alberi”.

A fare da scenario alle riprese ploaghesi è stata la località di Truvine, dove un tempo esisteva l’antica città romana Trabine, in particolare le campagne e gli stazzi delle aziende agricole delle famiglie Salis e Sini.

advertisement

Il film è stato ideato e realizzato in oltre due anni di lavorazione in tutta l’isola con l’obiettivo di sensibilizzare e risvegliare l’amore per la natura maltrattata e abusata, in particolare quella della Sardegna, ferita da incendi, speculazioni edilizie, residui d’industria e servitù militari, attraverso una ricerca artistica a 360° nata dalla volontà di far convivere diversi linguaggi tra cui la poesia, il cinema, la pittura, la danza e la musica.

L’opera d’arte è stata presentata al Solaris Film Festival di Nizza e al Museo Nivola di Orani e si è aggiudicata i premi: “Best Narrative Film” al London Eco Film Festival di Londra, “Best Narrative Film” al Lazio Green Film Festival di Sezze e “Golden Earth” al GeoFilm Festival di Cittadella.

Alla proiezione, organizzata dal Comune di Ploaghe per la rassegna “l’Isola in Pellicola” all’interno del programma “I Candelieri e il Ferragosto Ploaghese”, saranno presenti il regista sassarese Tore Manca e gli interpreti: l’ossese originario di Giave Bruno Petretto, le tempiesi Daniela Tamponi e Matilda Deidda e il ploaghese Giovanni Salis.

Per l’occasione verrà proiettato anche il cortometraggio “Lords of Ploaghe” dei registi Nicola Contini e Matteo Incollu, prodotto dal Comune di Martis con Hypergamma APS per il CineMartist Festival, in collaborazione con il Comune di Ploaghe e l’Istituto Comprensivo “S.Satta-A.Fais di Perfugas, a cui hanno partecipato degli studenti ploaghesi.

Appuntamento alle ore 21.00 nel cortile esterno ex Convento dei Cappuccini. Ingresso gratuito e contingentato con green pass o tampone con esito negativo, nel rispetto delle disposizioni anti-covid19, consigliata prenotazione tramite email prenotaevento@comune.ploaghe.ss.it.

 

 

Sinossi:

Jean ha un legame cosmico e viscerale con la natura, il richiamo ad essa come fonte della vita.

Il suo è un gesto d’amore verso la natura sfruttata, violentata e inaridita dall’uomo “civilizzato”; è a lei che il protagonista dedica un intera esistenza con umiltà e trasporto.

Consumismo, comodità e materialismo spengono l’amore per la vita sostituendolo come merce di scambio.

La nostra condizione umana è senza speranza, siamo diventati incapaci di comunicare in modo diretto, di manifestare liberamente le nostre emozioni, non abbiamo altro da fare che attendere la morte nella brama del benessere. Jean no: Jean, guidato dalla sua musa ispiratrice, senza egoismo e aspettative, pianta semi di Quercia, ghiande, alberi… dove prima non c’era nulla, solo per amore.

 

Officiale Trailer: https://youtu.be/qxhf4SpX2yY

 

Directors: Tore Manca

Choreographic actions: Daniela Tamponi

Voice Over: Alessandro Pala Griesche

Actors: Bruno Petretto, Matilda Deidda, Daniela Tamponi, Giovanni Salis

Poems written by: Rossella Maiore Tamponi, Tore Manca

Soundtrack: Daniela Savoldi, Irma Toudjian, Arnaldo Pontis, Dalila Kayros, Coro Gabriel Tempio Pausania

A production: mater-ia 2019

With the support of: Fondazione di Sardegna

Executive producers: Tore Manca, Daniela Tamponi

Co – producer: Giovanni Salis

Partnership: Moviment’Arti, LIPS Lega Italiana Poetry Slam, Amerindia Cinema, Molineddu, tramedarte, WWF Italia.

Public Sponsorship: Comuni di Sassari, Ploaghe, Ossi, Tempio, Luras, Giave, Scano di Montiferro, Neoneli.