Parte la 33° edizione del festival “Nuoro Jazz”

Domani sera con il contrabbassista Maurizio Congiu al giardino della Biblioteca Satta. Segue alle 21 Beba Ferra allo Spazio Ilisso

Domani sera a Nuoro il contrabbassista Maurizio Congiu col suo progetto Indomu
in concerto alle 21 nel Giardino della Biblioteca Satta.
Preludio alle 18.30 allo Spazio Ilisso con Bebo Ferra e il suo “Jazz vs. Corona”.
*

«Indomu è un omaggio a “dove tutto è iniziato”. Alla terra natale, la Sardegna e soprattutto a Nuoro Jazz, dove è esplosa la scintilla per il jazz». Si presenta così Maurizio Congiu, al centro dell’appuntamento di domani (venerdì 20) con il trentatreesimo Festival Nuoro Jazz, che ogni sera accompagna con i suoi concerti le attività didattiche dei Seminari di jazz organizzati dall’Ente Musicale di Nuoro, in corso nel capoluogo barbaricino fino a giovedì prossimo (26 agosto). Il contrabbassista sardo sarà sul palco allestito nel Giardino della Biblioteca Satta, in piazza Asproni, a partire dalle 21, alla testa del suo progetto Indomu, appunto, che riunisce tre apprezzati musicisti della scena jazzistica francese: il sassofonista Baptiste Herbin, il pianista Julian Le Prince Caetano e il batterista Martin Wangermee.
 
Maurizio Congiu torna dunque da protagonista a Nuoro Jazz, dove ha seguito da allievo i suoi primi seminari nel 2004. Classe 1981, ha iniziato a suonare a soli tredici anni, imparando prima la chitarra, poi la batteria, per dedicarsi infine interamente allo studio del contrabbasso, diplomandosi al Conservatorio di Cagliari e poi in contrabbasso jazz presso il CMDL in Francia. L’incontro con diversi tipi di musicisti gli ha permesso di perfezionare la sua formazione musicale. Nel 2011 lascia l’Italia per approfondire gli studi a Parigi e frequentare l’Istituto di Alta Cultura CMDL dove si diploma nel 2013 con il massimo dei voti. Selezionato nel 2018 per partecipare a MAISHA, progetto di condivisione culturale tra i popoli di diverse culture dell’Unione Europea e dell’Unione Africana, attualmente fa parte della vasta realtà musicale parigina che gli permette di collaborare sia nel jazz che nel panorama musicale internazionale. Tra i musicisti con cui ha condiviso il palco, Didier Lockwood, Adrien Moignard, Sébastien Gineaux, Ludovic Beier, Isfar Sarabski, Shahriyar Imanov, Inor Sotolongo, Oum, Maurizio Minardi, Lynn Adib, Camille Bertault, Lukmil Perez Herrera, Gregory Privat, Fady Farah, Amar Chaoui, Illya Amar, Sarah Lenka, Robin Notte, Maë Defays, Stephane Belmondo e Pierre Christophe, tra gli altri.
 
biglietti per questo come per tutti gli altri concerti del festival Nuoro Jazz si possono acquistare online sul sito Ciaotickets e a Nuoro al CTS (Centro Turistico Sardo) in piazza Mameli, 1. Per accedere ai concerti è necessario munirsi di green pass; i posti a sedere sono limitati e distanziati, nel rispetto delle norme anti-covid.
 
A far da preludio al concerto di Maurizio Congiu, un altro appuntamento musicale in programma nel tardo pomeriggio, alle 18.30, nello Spazio Ilissio al civico 23 di via Brofferio. Reduce dal concerto della sera prima col trio Voltage, il chitarrista Bebo Ferra si presenta in solitudine con il suo progetto “Jazz vs. Corona”: una selezione dal diario musicale del lockdown, nato involontariamente con il pensiero di dare un proprio contributo per sostenere la speranza attraverso la musica e diventato un appuntamento immancabile, richiesto “a gran voce” dal pubblico della rete: 51 brani per 51 giorni in 51 versioni inedite, un’incredibile occasione di crescita umana e musicale.
 
Per informazioni la segreteria dell’Ente Musicale di Nuoro – che organizza i seminari e il festival – risponde al numero 078436156 e all’indirizzo di posta elettronica nuorojazz@entemusicalenuoro.it; altre notizie e aggiornamenti sono disponibili nel sito www.entemusicalenuoro.it e alla pagina www.facebook.com/nuorojazz2014.
 
La trentatreesima edizione dei Seminari e del festival Nuoro Jazz è organizzata dall’Ente Musicale di Nuoro con il contributo del MiC • Ministero della Cultura, della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport e Assessorato del Turismo), del Comune di Nuoro e del Comune di Onifai, con il supporto della Biblioteca Sebastiano Satta, di Mereu Auto, del CTS (Centro Turistico Sardo) Nuoro.